spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Carenza di personale a Ponte a Niccheri, l’interrogazione in Regione

    La consigliera Spinelli chiede alla giunta di affrontare le criticità dell'ospedale di Bagno a Ripoli

    PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) –  Sul tema sovraffollamento nei reparti e sulla carenza di operatori socio sanitari all’Ospedale Santa Maria Annunziata segnalato dalla Cgil nei giorni scorsi la consigliera regionale Serena Spinelli (Art 1 Mdp) ha presentato un'interrogazione alla giunta regionale con la precisa domanda: "Quali azioni intende intraprendere la giunta, e in quali tempi, per giungere alla soluzione delle criticità segnalate?”
     

    Da alcune settimane, secondo quando denunciato dai sindacati, i quattro reparti di degenza medica dell’Ospedale Santa Maria Annunziata stanno attraversando una situazione di difficoltà organizzativa. I delegati dei lavoratori parlano di sovraffollamento, a seguito dell’aggiunta di posti letto, e in particolare della contemporanea mancanza di operatori sociosanitari.

     

     

    La carenza di personale sarebbe aggravata dal mancato rinnovo dei contratti interinali, che avrebbe portato la dotazione di operatori sociosanitari sotto i livelli minimi essenziali: si profila addirittura per questi lavoratori l’impossibilità di fruire delle ferie e del giorno di riposo settimanale.

     
    Il rinforzo del personale annunciato nei mesi scorsi dall’assessorato regionale alla Sanità e dalla direzione dell’Azienda ha portato al reclutamento di alcuni nuovi operatori socio sanitari, ma questi sono stati dedicati all’apertura della sesta sala operatoria dell’Ospedale, mentre sono rimasti i vuoti di organico già presenti nei reparti, dove soprattutto nelle giornate del fine settimana risulta grave la carenza di personale.

    Segnalano i sindacati che la carenza di operatori socio sanitari, figura fondamentale per l’assistenza sanitaria di base dei ricoverati, sta rendendo difficile continuare a garantire un’assistenza sanitaria accettabile; inoltre l’eccesso dei carichi di lavoro accresce la possibilità di rischio clinico.
     
    “Per questo – commenta la consigliera Spinelli (Art1-Mdp) – ho presentato alla Giunta regionale una interrogazione, in cui chiedo risposte in merito agli alla dotazione organica attuale di Operatori Socio sanitari nei singoli reparti dell’ospedale, a quella prevista e alle tipologie contrattuali. Chiedo inoltre quali azioni la Giunta intenda intraprendere, e con quali tempi, per giungere alla soluzione delle criticità segnalate dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori e alla copertura delle carenze di organico, laddove queste fossero riscontrate e confermate dall’Azienda”.
     

    In una nota della Asl dopo l'allarme lanciato dalla Cgil si legge che "non è stato rilevato alcun rischio clinico per i pazienti, regolarmente assistiti dal personale. Nessuna segnalazione relativa di avvenuti eventi avversi, ad oggi, è infatti pervenuta al Rischio Clinico aziendale".

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua