spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nelle votazioni “interne” per la segreteria nazionale ha prevalso con il 57%

    BAGNO A RIPOLI – Matteo Renzi ha prevalso con il 57% delle preferenze tra i candidati alla segreteria nazionale del Pd, nelle convenzioni che si sono svolte a Bagno a Ripoli il 16 e 17 novembre.

     

    Renzi ha infatti vinto, con il voto degli iscritti, in tre circoli su quattro (ha perso all'Antella) e quindi nel totale comunale. Di seguito i risultati conseguiti nei singoli circoli.

     

    Antella: Cuperlo 9 voti, Renzi 8, Civati 1, Pittella 0

     

    Bagno a Ripoli centro: Cuperlo 7 ,Renzi 13, Civati 2, Pittella 0

     

    Grassina: Cuperlo 17 voti, Renzi 33, Civati 2, Pittella 0 schede bianche 1

     

    Ponte a Ema: Cuperlo 4 voti, Renzi 5, Civati 1, Pitella 0

     

    Il totale parla di 103 voti: Renzi 59, Cuperlo 37, Civati 6, schede bianche 1.

     

    "Un bel risultato – commentano dal Comitato L'italia Cambia verso: Bagno a Ripoli con Matteo Renzi – che ci ripaga del lavoro svolto a supporto della candidatura di Matteo. Un risultato che dimostra come, a differenza di quanto sostenuto nei giorni scorsi, Matteo Renzi sia appoggiato anche dalla maggior parte del partito".

     

    "Un partito –  dicono ancora – che vuole un vero rinnovamento, che vuole "cambiare verso" e che si affida perciò al progetto del sindaco di Firenze. Soddisfatti di questo risultato, continuiamo il nostro lavoro verso le primarie dell'8 dicembre. Primarie aperte a tutti gli elettori e simpatizzanti del Pd, che crediamo rafforzeranno il risultato ottenuto il fine settimana scorso e che segneranno la svolta per il nostro partito".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...