spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Primarie Pd Bagno a Ripoli, il commento dello sconfitto Pestelli: “Risultato che non ci lascia soddisfatti”

    "Ma testimonia l'impegno che ci abbiamo messo per riaprire un dibattito che coinvolgesse anche i cittadini. Il vento nuovo non può e non deve esaurirsi qui"

    BAGNO A RIPOLI – Ha lasciato passare la nottata Franco Pestelli, uscito sconfitto ieri, domenica 3 marzo, nelle urne delle primarie del Pd di Bagno a Ripoli per la candidatura a sindaco alle elezioni amministrative del prossimo giugno.

    Il suo avversario, Francesco Pignotti, ha ottenuto 1.739 voti (il 61,3% dei contanti); Pestelli 1.099 (38,7%).

    “Un risultato che non ci lascia soddisfatti – ammette Pestelli – ma che testimonia l’impegno che ci abbiamo messo per riaprire un dibattito all’interno del Pd che coinvolgesse anche i cittadini”.

    “Queste primarie – riprende – che noi abbiamo chiesto e voluto fino in fondo, sono state il giusto strumento per farlo, come dimostra l’ampia partecipazione al voto”.

    “Abbiamo fatto una campagna sui territori per i territori – rivendica Pestelli – parlando con la gente, assumendoci precise responsabilità politiche”.

    “E tanti – aggiunge – sono stati coloro che ci hanno espresso ieri il loro consenso (1.100 i voti raccolti, circa il 40% del totale) e che ringrazio, anticipando fin da subito che continueremo a portare avanti le nostre istanze all’interno dell’assemblea comunale, certi di dare il nostro apporto a sostegno di un partito inclusivo, cercando di far valere le nostre idee”.

    “Il vento nuovo di Bagno a Ripoli – conclude – non può e non deve esaurirsi qui”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...