spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Primarie Pd, Franco Pestelli: “Ricostituire l’unità della sinistra”

    "Per dare risposte alle esigenze dei cittadini e centralità all'azione politica. In tanti ci dicono che vogliono sentirsi rappresentanti, dopo tante consulte annunciate e mai decollate"

    BAGNO A RIPOLI – “Ricostituire l’unità della sinistra nel nome di un buongoverno che guardi ai bisogni reali dei cittadini, alla tutela del territorio e dei beni comuni, a migliorare i servizi e l’attenzione al sociale”.

    Lo dice Franco Pestelli, candidato alle primarie del Partito democratico del prossimo 3 marzo.

    “È questo – riprende – che il Pd secondo noi deve proporsi, mantenendo una sua unità e centralità nell’azione politica e di indirizzo amministrativo e dialogando con tutti i soggetti che in quest’area, comprese le forze civiche e vicine alle tematiche ambientali, sono disponibili a un’azione comune per guardare al futuro, lavorando assieme sui temi”.

    “Ed è quello che auspichiamo possa essere il frutto di queste primarie che abbiamo voluto con forza – aggiunge – un’opportunità per costruire nuovi equilibri e nuove alleanze, nel segno di una discontinuità rispetto alle scelte fatte in questi anni, frutto anche di una carenza di condivisione con i cittadini, come per la scuola americana, da cui ora qualcuno cerca di smarcarsi”.

    “Stiamo incontrando molte persone in questi giorni – conclude – e si evidenzia la voglia di sentirsi rappresentati nelle scelte. Dopo consulte varie annunciate e mai fatte decollare. Un desiderio a cui dobbiamo dare risposta”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...