spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ausl Toscana Centro: il primo nato del 2019 è al Santa Maria Annunziata

    A Ponte a Niccheri, da una mamma italiana, è venuto alla luce alle 00.15. Tutti i dati sui nati nel 2018

    PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) – Nei primi quaranta minuti del nuovo anno sono nati negli ospedali dell’Ausl Toscana Centro, tre bambini: il primo dell’area fiorentina è stato alle 00.15 al Santa Maria Annunziata, un maschietto la cui mamma è italiana.

     

    Pochi secondi dopo alle 00.18 nasceva al San Giovanni di Dio, un altro maschietto con mamma di nazionalità cinese. Alle 00.39 al San Giuseppe di Empoli è nata Lia. Fiocco rosa anche al Santo Stefano di Prato dove la mamma, italiana, ha dato alla luce Veronica che è nata alle 4.34.

     

    Nel 2018 il numero più alto di nati nei sette punti nascita della Asl Toscana centro, lo registra l’ospedale Santo Stefano di Prato con 2.297 nati, 36 parti gemellari e un trigemino.

     

    Ma sulle nascite, rispetto agli altri ospedali della Asl Toscana centro, è il San Jacopo di Pistoia a riportare dati in controtendenza: +28 nati nel 2018 per complessivi 1.120 nati contro i 1.092 del 2017.

     

    Rispetto alla fotografia delle nascite in Italia, sono dati importanti questi registrati dal San Jacopo dove la natalità si attesta su numeri che non scendono da due anni (1.091 i nati nel 2016) e dove l’ultima nascita del 2018 sabato 29 dicembre è stata quella di una bimba.

     

    L’ultimo nato del 2018 negli ospedali dell’Azienda è stato Gabriele, alle 21.13 ai S.S. Cosma e Damiano di Pescia. Prima di lui a Borgo San Lorenzo, nasceva alle 19.20 un altro maschietto e alle 18.29 al San Giuseppe di Empoli è nata Ines, entrambi da mamma di nazionalità straniera; al Santo Stefano l’ultima nata alle 17.33 è una bimba da madre di nazionalità nigeriana; due gemelle femmine la cui mamma è italiana, sono nate alle 15.44 al San Giovanni di Dio, ultimo parto gemellare dell’anno nei sette punti nascita. Fiocco celeste, infine, la mattina del 31 al Santa Maria Annunziata con la nascita di un bimbo alle 10.27 la cui madre è di nazionalità brasiliana.

     

    Complessivamente nel 2018 nei sette punti nascita degli ospedali della Ausl Toscana centro, sono nati 8.351 bambini: 4.279 maschi e 4.072 femmine. Nel 2017 i nati erano stati 8.884: 4.630 maschi e 4.254 femmine.

     

    Empoli – Ospedale San Giuseppe

    2018 – Nati 1193 di cui 600 maschi e 593 femmine.

    2017 – Nati 1298 di cui 661 maschi e 637 femmine.

     

    Firenze – Ospedale San Giovanni Di Dio

    2018 – Nati 1685 di cui 876 maschi e 809 femmine.

    2017 – Nati 1803 di cui 934 maschi e 869 femmine.

     

    Firenze – Ospedale Santa Maria Annunziata

    2018 – Nati 1048 di cui 525 maschi e 523 femmine.

    2017 – Nati 1142 di cui 579 maschi e 563 femmine.

     

    Firenze – Ospedale Borgo San Lorenzo

    2018 – Nati 403 di cui 201 maschi e 202 femmine.

    2017 – Nati 425 ci cui 233 maschi e 192 femmine.

     

    Pistoia – Ospedale San Jacopo

    2018 – Nati 1120 di cui 581 maschi e 539 femmine.

    2017 – Nati 1092 di cui 557 maschi e 535 femmine.

     

    Pescia – Ospedale SS Cosma e Damiano

    2018 – Nati 605 di cui 324 maschi e 281 femmine.

    2017 – Nati 623 di cui 336 maschi e 287 femmine.

     

    Prato – Ospedale Santo Stefano

    2018 – Nati 2297 di cui 1172 maschi e 1125 femmine.

    2017 – Nati 2501 di cui 1330 maschi e 1171 femmine.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...