spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 20 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Al via il progetto “Procicogna”, servizi, sconti e facilitazioni a favore di neogenitori

    Avviso pubblico al quale negozi, artigiani, professionisti, potranno aderire per garantire le offerte promozionali

    BAGNO A RIPOLI – Diventare genitori è un evento importantissimo, felice e al contempo complesso. E per sostenere ed aiutare le neo mamme e i neo papà ripolesi, l'amministrazione comunale, in collaborazione con Cna e Confesercenti ha quindi deciso di promuovere un vero e proprio carnet di sconti, facilitazioni, servizi e promozioni rivolti a famiglie con figli dagli 0 ai 36 mesi.

     

    E questo attraverso un avviso pubblico al quale potranno partecipare imprese, esercizi commerciali, privati professionisti, associazioni, disponibili ad aderire al progetto "Procicogna" garantendo una serie di opportunità promozionali a favore, appunto, dei neogenitori.

     

    Per aderire basterà scaricare il modello di adesione da www.comune.bagno-a-ripoli.fi.it e rinviarlo compilato all'indirizzo: urp@comune.bagno-a-ripoli.fi.it, oppure direttamente all'Ufficio Relazioni con il Pubblico, (piazza della Vittoria 1, Bagno a Ripoli) entro e non oltre il 30 settembre.

     

    Tra le varie offerte che il Comune ha preventivamente individuato, vale la pena ricordare sconti e riduzioni per i prodotti della prima infanzia, attività fisica e comunque connessa al benessere del genitore e dei figli, pranzi/cene presso ristoranti (ad esempioo menù bebè), eventi culturali, trasporti.

     

    Tra le facilitazioni e i servizi esclusivi: allestimento di fasciatoi e aree idonee per allattamento presso spazi commerciali e/o pubblici, spazio giochi e/o intrattenimento per bambini presso esercizi commerciali, consegna spesa a domicilio, luoghi/occasioni per il libero baratto di beni materiali legati alla prima infanzia e non più utilizzati (carrozzine, ovetto, giochi), interventi entro le 24 ore per manutenzione casa.

     

    Sempre lo stesso avviso pubblico prevede la possibilità di presentare progetti innovativi, ovvero forme di sostegno alla genitorialità appositamente sviluppate e/o già sperimentate in altre aree e trasferite ex novo sul territorio ripolese.

     

    Tutte le offerte saranno inserite in un'apposita guida/vademecum che sarà distribuita sul territorio comunale; su richiesta verrà inoltre apposta, a carico del Comune, presso la sede dell'impresa, esercizio commerciale, associazione o altri, una vetrofania attestante l'adesione all'iniziativa.

     

    Gli interventi innovativi selezionati riceveranno poi un apposito riconoscimento da parte dell'amministrazione.

     

    “Sono azioni concrete a sostegno della maternità – ha dichiarato il sindaco del Comune di Bagno a Ripoli Francesco Casini – che si collocano su un più ampio pacchetto di interventi, di politiche della famiglia, sconti, agevolazioni e maggiori servizi per neogenitori".

     

    "Un'iniziativa – ha concluso – che collega cittadinanza e aziende del territorio, in un più ampio spirito di comunità. Un idea che si concretizza e si è resa possibile grazie alla consueta disponibilità di esercizi commerciali e realtà economiche del territorio che sono sempre in prima fila per collaborare con l'amministrazione comunale”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...