spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Al progetto “Ri-Vesti” aderiscono ufficialmente molte amministrazioni comunali

    BAGNO A RIPOLI – Il Comune di Bagno a Ripoli ha sottoscritto il protocollo d’intesa che rilancia e potenzia il progetto “Ri-vesti” per la raccolta degli abiti e accessori di abbigliamento, che finanzia attività di tipo sociale.

     

    L'intesa è stata firmata insieme a Caritas Diocesana, Quadrifoglio e i Comuni di Firenze, Calenzano, Campi Bisenzio, Fiesole, Greve in Chianti, Impruneta, San Casciano, Scandicci, Sesto Fiorentino, Signa e Tavarnelle.

     

    Il progetto ha finalità sociali: per la raccolta degli indumenti nei circa 250 cassonetti gialli, infatti, la Cooperativa Sociale San Martino impiega 9 persone (3 delle quali svantaggiate). Una volta raccolti, gli indumenti vengono trasferiti con i mezzi della Cooperativa presso l'area ecologica di Quadrifoglio a San Donnino e stoccati in appositi containers.

     

    Qui una ditta specializzata si occupa della cernita e successiva rivendita del materiale raccolto. Il fine della raccolta è la commercializzazione del materiale rivendibile, per il finanziamento di progetti di solidarietà.

     

    A questo link la mappa dei punti di raccolta: http://tinyurl.com/RivestiMappa.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...