mercoledì 14 Aprile 2021
Altre aree

    Protesta Dad: il 7 aprile alcuni studenti di seconda e terza media la faranno nel piazzale della “Redi”

    Presidio di studio (seguiranno la lezione con dispositivi mobili, su sedie e banchi messi a disposizione dalla scuola) protestando per avere didattica in presenza per tutti

    BAGNO A RIPOLI – Sarà un rientro a scuola con protesta contro la Dad (Didattica a distanza) nel comune di Bagno a Ripoli.

    Come noto infatti, nelle regioni zona rossa (come la Toscana), le nuove normative nazionali prevendono la scuola comunque in presenza.

    A differenza di quanto accadeva fino a prima di Pasqua quindi, anche in caso di regione, provincia o comune in zona rossa (e alcuni comuni del nostro territorio, come Bagno a Ripoli stesso o San Casciano hanno, in questo momento, i dati peggiori da mesi a questa parte), le scuole rimangono aperte.

    Ma solo fino alla prima media compresa. Dalla seconda media in su, superiori di secondo grado comprese, serve essere in zona arancione per poter frequentare in presenza.

    Per questo motivo ci si sta muovendo per organizzare, mercoledì 7 aprile, un presidio di protesta nel piazzale della scuola “Redi”, a Bagno a Ripoli.

    Per una manifestazione per la quale è stata anche richiesta l’autorizzazione presso la Questura di Firenze.

    Manifestazione che vedrà alcuni ragazzi di seconda e terza media partecipare alla Dad dal piazzale di scuola, davanti a quelle aule dove svolgono le lezioni i loro “colleghi” fino alla prima media.

    Con i dispositivi mobili, seguiranno la lezione a distanza. I banchi e le sedie dovrebbero essere fonriti dalla scuola stessa. Igienizzazione pre e post lezione a carico degli studenti stessi.

    Per quella che sarà una vera e propria lezione in didattica a distanza.

    Ma davanti a quella scuola che, sostengono gli organizzatori della manifestazione stessa, è un diritto (in presenza) per tutti i ragazzi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...