spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 23 Marzo 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Casini dopo il crollo di un albero in quello della CDP: “Lavoriamo insieme per cercare una soluzione”

    BAGNO A RIPOLI – Il crollo di un albero nel giardino della casa del popolo di Grassina dei giorni scorsi (in foto sopra, clicca qui per leggere l'articolo) ha riportato al centro dell'attenzione la carenza di spazi verdi ben attrezzati a Grassina.

     

    E' il sindaco Francesco Casini a spiegare che "per noi dotare Grassina di spazi verdi, ben attrezzati per bambini e famiglie, è una priorità".

     

    Una priorità che verrà affrontata su due livelli: "Il primo – dice il sindaco – più immediato, ovvero quello di strutturare meglio gli spazi di proprietà comunale, ad esempio quelli in via Alighieri. Essendo aree di nostra proprietà è più facile intervenire".

     

    Poi c'è la questione dello spazio di proprietà della CDP, chiuso in seguito allo schianto al suolo dell'albero: "Un pioppo da taglio – dice il primo cittadino – inadatto, come altri alberi piantati in quello spazio, allo scopo".

     

    "Nei prossimi giorni – annuncia – abbiamo in programma degli incontri con il presidente della CDP Valeriano Rigacci. Con il circolo c'è comunque grande comunanza di vedute: si tratta solo di trovare la strada per lavorare assieme".

     

    Anche perché, senza atti ufficiali, il Comune non può certo mettere mano a quell'area. Che è privata: "Ma sono sicuro – conclude il sindaco – che troveremo le formule adatte. Visto però che non si tratta di soluzioni di immediata messa in opera, intanto lavoriamo anche sugli spazi già di nostra proprietà".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...