spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Le nuove strade che avranno la raccolta “porta a porta”. Da lunedì 10 ottobre

    Sono zone di Grassina, Ponte a Ema e Ponte a Niccheri. I modi per chiedere informazioni

    BAGNO A RIPOLI – Novità ed estensione del servizio per la raccolta “porta a porta” a Grassina, Ponte a Ema e a Ponte a Niccheri da lunedì 10 ottobre. “Dopo la positiva esperienza nel centro di Grassina, anche in altre strade della frazione, di Ponte a Ema e di Ponte a Niccheri – spiegano il sindaco Francesco Casini e l'assessore all'Ambiente Enrico Minelli -, il tradizionale metodo di raccolta con cassonetti stradali sarà sostituito da un nuovo sistema: la raccolta differenziata porta a porta".

     

    Proseguono Casini e Minelli: "I benefici della raccolta porta a porta sono ormai noti a tutti e sono molti. Una raccolta differenziata ancora più diffusa permetterà infatti di ridurre la quantità di rifiuti da smaltire, di recuperare materiali riciclabili e quindi di ottenere un beneficio ambientale, eliminando contemporaneamente dalle strade le vecchie batterie dei cassonetti e consentendo una sorta di personalizzazione a livello familiare o condominiale della raccolta".

     

    "La presenza dell'Ecostazione di Campigliano a Grassina – concludono sindaco e assessore – garantisce poi sempre un'ulteriore possibilità di smaltimento controllato e rapido. In questa prima fase di sperimentazione del servizio, sono inoltre tanti anche i benefici economici: per tutte le famiglie interessate alla raccolta porta a porta è prevista una riduzione sulla parte variabile della tariffa rifiuti, pari a circa il 10%. La sperimentazione già effettuata nel centro di Grassina prova concretamente che si può fare e dimostra come, accanto allo sconto e al risparmio per i cittadini, il porta a porta aumenti il livello del decoro e consenta di migliorare le percentuali di raccolta differenziata”.

     

    Ecco nello specifico le vie interessate: via Dante Alighieri, via dell'Antella (dal civico 1 al civico 9 e dal civico 2 al civico 50), via di Belmonte (zona scuola media, biblioteca, carabinieri), via Borgo Bartolini, via Borgo Sani, via Giovanni Boccaccio, via Giacomo Brodolini, via di Campigliano (dal civico 138 al civico 176 e dal civico 65 al civico 73), via Chiantigiana – SR 222 (dal civico 64/E al civico 160 e dal civico 127 al civico 193), via Ugo Foscolo, via Giacomo Leopardi, via Niccolò Machiavelli, via Alessandro Manzoni, via di Spedaletto (primo tratto).

     

    I cittadini devono esporre i rifiuti dalle 20 alle ore 22 su strada davanti al portone d'ingresso o, per i condomini secondo le modalità concordate con l'amministratore, in sacchi chiusi e secondo questo calendario: lunedì multimateriale leggero e imballaggi; martedì organico; mercoledì rifiuto indifferenziato; giovedì organico; venerdì carta, multimateriale leggero e imballaggi; sabato organico.

    La raccolta del vetro continuerà ad essere effettuata separatamente nelle campane già posizionate. Nulla cambia per le tipologie di rifiuti che già non potevano essere conferite nei cassonetti e per il ritiro degli ingombranti.

     

    Inoltre, nei giorni di lunedì 3, martedì 4 e sabato 8 ottobre, sarà presente in piazza Umberto I un furgone di Quadrifoglio, a disposizione per fornire ogni ulteriore informazione in merito al nuovo servizio. Oppure si può chiedere con una mail a urp@comune.bagno-a-ripoli.fi.it ambiente@comune.bagno-a-ripoli.fi.it

     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...