spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fervono i preparativi per accogliere i 1.500 “Papa-Boys”: tutti i dettagli

    BAGNO A RIPOLI – Fervono i preparativi a Bagno a Ripoli, in occasione delle celebrazioni per la Giornata Mondiale della Gioventù (GMG), che si terrà a Rio de Janeiro sabato 27 luglio.

     

    L'associazione “Rinnovamento nello Spirito Santo” ha infatti organizzato (con la grande collaborazione del Comune e delle associazioni di volontariato e Protezione Civile del territorio ripolese), presso il giardino dei Ponti di Bagno a Ripoli, un incontro con i giovani per seguire in diretta la veglia di Papa Francesco (dal pomeriggio di sabato 27 fino a mezzanotte, ora italiana).

     

    Sono previsti circa 1.500 giovani dai 14 ai 30 anni, che saranno ospitati nell'area degli Istituti Volta, Gobetti e Granacci, nelle palestre e nelle tende lì montate. Il programma, impostato sull'ora italiana, è il seguente: venerdì 26, pomeriggio, arrivi e accoglienza; sabato 27 fino alle 16.30 Catechesi, Santa Messa, riflessioni comunitarie e preghiera personale; dalle 16.30 inizio veglia; alle 00.30 collegamento con Rio per seguire il discorso del Papa. La veglia dovrebbe concludersi alle 2 di domenica 28 luglio; domenica 28 Santa Messa, pranzo e partenze.

     

    La maggior parte dei giovani arriverà su pullman che non percorreranno via Roma ma si fermeranno in via Le Plessis e i ragazzi accederanno alla zona Volta/Gobetti/Granacci da via Le Plessis. Tutti i partecipanti saranno identificati al momento dell'arrivo e identificabili tramite un pass che garantirà loro l'uso di tutti i servizi (refezione e alloggio).

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...