spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Rete dei Comitati per la Difesa del Territorio: “Giù le mani da Bagno a Ripoli!”

    Urbanistica al centro dello scontro. Cittadinanza Attiva: "Bagno a Ripoli si trova sotto attacco"

    BAGNO A RIPOLI – L'appuntamento di oggi pomeriggio alle 15 in palazzo comunale a Bagno a Ripoli, ovvero il convegno “Verso il nuovo piano strutturale e il piano operativo”, appuntamento organizzato dall'amministrazione comunale, viene preceduto da una presa di posizione durissima.

     

    Del gruppo di opposizione Per Una Cittadinanza Attiva e della Rete dei Comitati per la Difesa del Territorio: e c'è da star sicuri che oggi, fra tecnici, istituzioni, imprese, associazioni, ordini professionali e cittadini, chiamati a partecipare al convegno, ci sarà anche chi è totalmente contrario allo sviluppo urbanistico prospettato per il territorio.

     

     

    Bagno a Ripoli si trova sotto attacco – si legge in una nota diffusa dalla Rete dei Comitati per la Difesa del Territorio, presieduta da Eros Tetti – questo è quanto si evince dall'avvio del procedimento per la variante al Piano Strutturale e Piano Operativo comunale. Il documento prevede un ampliamento significativo del perimetro dei centri urbani. Tutto ciò  è  inaccettabile perché così  si gettano le basi per future cementificazioni  per quanto riguarda il la piana di Ripoli". 

     

    "Con questa amministraizione – accusano da Cittadinanza Ativa – si rischia di tornare indietro di venti anni quando le battaglie  ambientaliste  e dei numerosi comitati che si formarono spinsero l'ex sindaco Bartolini a ridurre le previsioni edificatorie di allora e anche da questo comune prese avvio la Rete dei Comitati".

     

    "L'idea di continuare a trasformare irreversibilmente aree agricole o comunque verdi – dicono ancora – appare del tutto irresponsabile e anacronistico dal momento che varie proposte di legge vanno in senso opposto e ci auguriamo che sia il governo nazionale a stabilire un arresto incondizionato al consumo di suolo quale risorsa fondamentale per la vita del nostro pianeta".

     

    "Il piano proposto dall'amministrazione è inaccettabile – fa eco Tetti – prevede nuove cementificazioni e  rischiando la saldatura tra un territorio extraurbano con la periferia di Firenze . Questo è un fatto pericolosissimo che comporterebbe un'urbanizzazione metropolitana di un territorio che ha una vocazione agro-turistica di pregio e da salvaguardare".

     

    "Firenze – conclude Tetti – ormai sta diventando una città "bed and breakfast", le dinamiche e le logiche del turismo di massa stanno spingendo gli abitanti di Firenze sempre più verso le periferie, a nostro avviso il compito dell'amministrazione comunale è quello di proteggere il territorio comunale da certe dinamiche devastanti anzichè accondiscendere ai voleri di chi ha il solo scopo di farne edilizia. Ci auguriamo che l'amministrazione si fermi e apra un percorso partecipato per proteggere il proprio territorio".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua