spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 29 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Scomparso un mese fa, era stato l’animatore del Comitato per la Variante di Grassina

    Con le sue battaglie civili, il suo impegno in ambito sociale e nella politica del territorio di Bagno a Ripoli la vita di Francesco Taddei ha lasciato il segno e aperto strade, in più di una direzione.

     

    E' stato uno dei più grandi (e instancabili) sostenitori della "Variante di Grassina", fondatore e animatore del Comitato che la richiedeva, per oltre 40 anni non ha mai perso un appuntamento, un incontro, un'assemblea in cui se ne parlasse.

     

    E' stato presidente del Comitato genitori negli anni 70 che ha contribuito all'avvio e alla diffusione dell'esperienza del tempo-pieno a Bagno a Ripoli. Consigliere del Pci per un decennio, dal '75 al 1980 e dall'80 all'85, ma anche presidente della Fratellanza Popolare negli anni Ottanta, anni in cui diede inizio al percorso per l'ampliamento della sede e impulso alle feste del volontariato a Grassina. La famiglia lo ricorda sul Gazzettino del Chianti a un mese dalla scomparsa.
     

    A quasi  un mese dalla morte di Francesco, lo ricordiamo con tanto affetto.

     

    Era un umo schivo, di poche parole, ma sincere e sagge.
    Ricordiamo il suo profondo impegno civile, sociale, politico che non è mai venuto meno nel corso di tanti decenni e con tanta nostalgia ricordiamo il grande sostegno affettivo ed intellettuale verso la sua famiglia che gliene è infinitamente grata.

     

    Ringraziamo tutti coloro che ci sono stati vicini  con le parole e con la presenza
     

     

    Famiglia Taddei-Cammunci

    di Lisa Baracchi

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua