spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 25 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Rievocazione Storica della Passione di Cristo a Grassina: dal 24 marzo programma al via

    Si parte con il "Concerto di Pasqua" al circolo Acli: tutto il programma fino al... clou del Venerdì Santo

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Il Centro Attività Turistica (Cat) Onlus di Grassina organizza anche per quest’anno la Rievocazione storica della Passione di Cristo, manifestazione che ha il patrocinio dell'Unione Europea, della Regione Toscana, della Città Metropolitana di Firenze e dei Comuni di Firenze e Bagno a Ripoli.

     

    Si inizia sabato 24 marzo alle 21.15, all’Acli di Grassina con il "Concerto di Pasqua" della Filarmonica Cherubini diretta dal M° Carmelo Mobilia e del Coro Sociale di Grassina diretto dal M° Ginko Yamada.

     

    Nel pomeriggio di venerdì 30 marzo, già dalle 14 saranno attive navette gratuite per visite guidate a Oratorio di Santa Caterina, Spedale del Bigallo e Fonte della Fata Morgana: basterà presentarsi con un biglietto qualsiasi per assistere al Corteo o alle scene.

     

    Nel pomeriggio, consueto Concorso delle vetrine, a cura del Centro Commerciale Naturale "Grassina e le sue botteghe". I temi di questo anno sono: Un mondo senza soldi; Cade una stella: esprimi un desiderio; La donna è armonia, poesia, bellezza.

     

    Con la modalità dello scorso anno vincerà la vetrina con più voti sul profilo Facebook di Grassina e le sue botteghe, che nell’occasione aprirà una pagina di votazione dedicata al concorso.

     

    Alle 21 di venerdì 30 marzo, partirà il Corteo Storico per le vie del paese, preceduto dal Discorso della Montagna e dal Processo di Ponzio Pilato a Gesù. Alle 21.15, inizieranno le scene presso il Calvario (collina di Mezzosso), in Via Tina Lorenzoni.

     

    Per nuove e più stringenti leggi in tema di sicurezza, dalle ore 19.30 la circolazione sarà vietata a tutti i mezzi che non siano di soccorso o d’emergenza. Sempre per ragioni legate alla sicurezza, quest’anno non è stato possibile organizzare il mercato artigianale pomeridiano.

     

    “Evviva la Rievocazione Storica di Grassina! È con questo grido che quest’anno, il terzo da presidente, voglio salutare la popolazione e gli amici della manifestazione" dice Daniele Locardi.

     

    "Voglio gridare a tutto il mondo – prosegue orgoglioso – la passione, l’amore e la determinazione che i grassinesi mettono nell’organizzare e nel rendere possibile una manifestazione così bella e unica nel suo genere. Quest’anno in particolar modo, a inizio febbraio associazioni e sindaci hanno firmato, presso la sede del Ministero dei Beni Culturali a Roma, un protocollo d’intesa per la creazione di una Rete delle Città che organizzano le Rievocazioni della Passione di Cristo, atto necessario per proseguire nel percorso di riconoscimento Unesco di manifestazioni come la nostra".

     

    "Siamo orgogliosi di questo – rimarca Locardi – e di tutta la popolazione che ogni anno, tra piccoli e grandi gesti, fra generosità e disponibilità fa sempre più grande la Rievocazione del Venerdì Santo di Grassina. Ormai da tutto il mondo arrivano sempre più spettatori, affascinati dai racconti di amici e parenti che già hanno provato le emozioni della serata. Senza mai dimenticare il grandioso messaggio di pace, tolleranza e amore che il sacrificio di Cristo ci trasmette ogni anno”.

     

    “Un paese intero, un’intera comunità – commenta il sindaco Francesco Casini – che la sera del Venerdì Santo si riunisce con centinaia di persone che scendono in strada e sfilano insieme, una al fianco dell’altra. In dosso, abiti dalle fattezze antiche confezionati nei minimi dettagli, che diventano cimeli preziosi, passati di generazione in generazione. E poi scene e coreografie che ripercorrono la Passione del Cristo, memorizzate durante lunghi mesi di preparativi trascorsi in gruppo a ripeterle. Credo che sia soprattutto questo ciò che rende profondamente grande, bella ed emozionante la Rievocazione Storica di Grassina".

     

    "Il suo volto corale – prosegue il primo cittadino – la partecipazione di comunità che riesce ad innescare, il sentimento popolare e l’attaccamento alla tradizione da cui scaturisce, puntuale e attesissima ogni anno. Voglio ringraziare chi tutti gli anni fa in modo che il piccolo grande miracolo della Rievocazione riesca a compiersi, al Cat e ai volontari che impiegano tempo, energie e impegno, riuscendo a superare anche avversità e difficoltà. Dall’amministrazione comunale, l’auspicio che la Rievocazione ottenga presto il meritato riconoscimento di Patrimonio immateriale dell’Umanità Unesco e la garanzia di un sostegno che non faremo mai mancare, per preservare e promuovere questo inestimabile tesoro collettivo della nostra comunità”.

     

    Cenni storici

     

    Secondo una tradizione popolare documentata anche da notizie storiche, la Rievocazione Storica della Passione di Cristo a Grassina risale ai primi decenni del XVII secolo: si trattava di un corteo di natura esclusivamente religiosa.

     

    Con il passare del tempo gli elementi spettacolari si sono molto sviluppati grazie alla grande suggestione degli eventi rappresentati, alle forti motivazioni psicologiche e all’ambientazione in scenari di raro fascino.

     

    La rappresentazione della Passione di Cristo si compone di due parti che si svolgono contemporaneamente: il Corteo storico per le vie del Paese, con la partecipazione di circa 500 figuranti in costume d’epoca, e le scene della vita e Passione di Cristo sul Calvario, interpretate da circa ottanta personaggi. Il Centro Attività Turistica Onlus di Grassina aderisce all’associazione nazionale Europassione per l’Italia e all’associazione internazionale Europassion.

     

    Informazioni

     

    Centro Attività Turistica (Cat) Grassina, sito internet www.catgrassina.org, email catgrassina@virgilio.it.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...