spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Rigenerazione urbana, all’Antella la passeggiata lungo Isone: progetto finanziato con i soldi di un lascito

    L'area lungo il fiume Isone sarà totalmente riqualificata e restituita ai cittadini: in arrivo panchine, luci Led e arredo urbano. E al capolinea del bus, spunta la "pensilina verde"

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – “Niente più degrado lungo l’argine ma un percorso che segue il torrente, nel verde degli alberi, dove fare due passi, sedersi a leggere un libro, giocare con i bambini. Il tutto accompagnato da una nuova pavimentazione, luci Led e arredi urbani simili a sculture”.

    Lo annuncia l’amministrazione comunale di Bagno a Ripoli: ” All’Antella nasce la passeggiata lungo Isone, quasi trecento metri di “promenade” interamente riqualificati grazie all’intervento di rigenerazione urbana dell’amministrazione comunale e a un importante investimento di 500mila euro”.

    Il progetto di fattibilità tecnico economica è stato appena approvato dalla giunta, mentre i tecnici del Comune sono al lavoro per redigere l’esecutivo.

    Obiettivo dell’intervento rigenerare questa porzione di Antella, evitare che le auto siano parcheggiate lungo la riva dell’Isone contribuendone al deterioramento.

    E riavvicinare la cittadinanza al tema dell’acqua del torrente, con accorgimenti che rendano gradevole sia il transito che la sosta dei pedoni, sfruttando al massimo le potenzialità del lungo torrente, a partire dall’abbondante ombra offerta nei mesi estivi. 

    “Per finanziare il progetto – spiegano il sindaco Francesco Casini e l’assessore ai lavori pubblici Francesco Pignotti, nei giorni scorsi impegnati in un sopralluogo nell’area – impiegheremo il denaro ricevuto in eredità dalla signora Marisa Migliorini, residente dell’Antella che aveva lasciato al comune per interventi a miglioramento della sua frazione e della sua comunità. Un progetto richiesto da tempo dai cittadini che aggiunge un nuovo tassello alla riqualificazione delle nostre frazioni, che dedicheremo dunque alla signora Migliorini”.

    Nel dettaglio, il progetto interessa l’area tra via dell’Antella e il torrente Isone, un tratto di circa 280 metri di lunghezza e di 2.500 metri quadri di superficie.

    Per proteggere la nuova area pedonale dalle auto verrà installato un cordolo stradale in via dell’Antella tale da non poter essere superato dalle vetture.

    La passeggiata, realizzata ad una distanza di 4 metri dall’argine e larga 2,20 metri, sarà pavimentata con un selciato. Il percorso sarà a impatto zero per ciò che concerne le barriere architettoniche.

    Gli elementi d’arredo, sia le sedute che i tavoli, avranno caratteristiche scultoree e saranno collocati alcuni “portali” d’accesso illuminati a Led. Nell’ambito del progetto, sarà inoltre messo in sicurezza il parapetto che affaccia sul torrente, innalzato e realizzato in corten.

    Allo stesso modo, sarà riqualificato il ponte pedonale, punto d’accesso da via Brigate partigiane alla riva destra del torrente: il passaggio sarà dotato di nuova pavimentazione e luci Led.

    L’illuminazione “green” collocata lungo l’intero percorso in alcuni punti andrà a creare giochi e suggestioni luminose. In seno all’intervento, anche la pensilina dei bus acquisterà un nuovo volto.

    La struttura sarà in buona parte coperta di erba e piante sempreverdi che richiedono poca manutenzione.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...