spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Rigenerazione urbana: inaugurata ieri all’Antella la passeggiata lungo il torrente Isone

    Ieri l’apertura del percorso con nuovi arredi urbani, panchine e illuminazione Led. Investimento di mezzo milione grazie al lascito testamentario della signora Marisa Migliorini

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – Una passeggiata alberata lungo il torrente, per fare due passi o leggere un libro tra gli alberi, con nuove panchine e luci ecologiche. E’ nato ufficialmente il camminamento lungo il torrente Isone, nel cuore di Antella.

    L’intervento di rigenerazione urbana è stato aperto ai cittadini ieri pomeriggio dal sindaco Francesco Casini  e dalla giunta comunale alla presenza dei tecnici del Comune e delle ditte incaricate dei lavori.

    Presenti tra questi il Rup Roberto Fanfani, la progettista e direttrice dei lavori, l’architetto Antonella Carratù, e la ditta AgriAmbiente Mugello Sca di Barberino.

    Per realizzare l’opera è servito un investimento di mezzo milione di euro, una parte del lascito testamentario della signora Marisa Migliorini, cittadina di Antella deceduta senza eredi diretti nel 2021 che ha lasciato al Comune tutti i suoi averi.

    Alla sua memoria, nei prossimi mesi, sarà dedicata una targa che troverà casa lungo la passeggiata appena rifatta, in ricordo del suo gesto di grande generosità.

    “Con l’intervento – si legge in una nota diffusa dal palazzo comunale – volontà dell’amministrazione comunale era quella di ricucire il centro storico di Antella, rappresentato in primis da piazza Peruzzi, con i due argini del torrente Isone, interrogandosi su come valorizzare una parte della cittadina sottoutilizzata rispetto alle proprie potenzialità”.

    “Filo conduttore – viene spiegato – è l’uso dell’acciaio corten, dalle balaustre, agli arredi ai corpi illuminanti, alle insegne luminose, come i grandi portali luminosi dislocati agli ingressi del lungo fiume. Non manca il verde: oltre al doppio filare di alberi esistenti, sono stati piantumati ampi tratti di terreno con un tappeto erboso dotato di impianto di irrigazione e sono state allocate grandi fioriere in corten piene di rose paesaggistiche rifiorenti”.

    “Tutta l’area – si aggiunge – è attrezza con elementi di seduta particolari che rappresentano veri e propri elementi scultorei ed è dotata di una illuminazione notturna a led diffusa, oltre che lungo il percorso centrale, anche nei punti più strategici andando per creare effetti “speciali”, come il casottino dell’acqua, il ponte pedonale e i portali. Per questo motivo le fonti luminose sono strettamente legate alle opere illuminate tanto da rappresentare esse stesse dettagli di arredo urbano”.

    Il progetto ha interessato l’area tra via dell’Antella e il torrente Isone, un tratto di circa 280 metri di lunghezza e 2.500 mq di superficie. La passeggiata, realizzata ad una distanza di 4 metri dall’argine e larga 2,20 metri, è pavimentata con un selciato.

    “Il percorso – spiega ancora l’amministrazione comunale – è a impatto zero per ciò che concerne le barriere architettoniche. Gli elementi d’arredo, sia le sedute che i tavoli, hanno caratteristiche scultoree e sono stati collocati alcuni “portali” d’accesso illuminati a Led. Nell’ambito del progetto, il parapetto che affaccia sul torrente è stato messo in sicurezza, innalzato e realizzato in corten”.

    “Riqualificato anche il ponte pedonale – è la conclusione – punto d’accesso da via Brigate partigiane alla riva destra del torrente, con un passaggio dotato di nuova pavimentazione e luci Led. L’illuminazione ecologica in alcuni punti è stata pensata per creare giochi e suggestioni luminose”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...