lunedì 10 Agosto 2020
Altre aree

    “Riprende il gioco delle carte all’Sms di Bagno a Ripoli”: nei circoli torna un altro po’ di normalità

    Può sembrare un annuncio di quelli piccoli piccoli, insignificanti. Ma in realtà dietro c'è un mondo. Un altro piccolo tassello che torna al suo posto...

    BAGNO A RIPOLI – Può sembrare un annuncio di quelli piccoli piccoli, insignificanti. Ma in realtà dietro c’è un mondo. Un altro piccolo pezzetto di normalità che (per adesso e speriamo il più a lungo possibile) torna al suo posto.

    “Da domani, domenica 5 luglio, riprende il gioco delle carte alla SMS Bagno a Ripoli”.

    L’ordinanza numero 70 emessa dalla Regione Toscana infatti permette la re-introduzione del gioco delle carte nei locali pubblici.

    E chiunque abbia frequentato una casa del popolo, un circolo Acli, Arci, una società di mutuo soccorso, sa quanta importanza questo abbia per tante persone.

    “Con tutte le cautele prescritte dall’ordinanza regionale 70 del 2 luglio 2020 – precisano dall’SMS ripolese – distanziamento interpersonale; igienizzazione delle mani da parte dei giocatori prima, durante e dopo il gioco; obbligo di indossare la mascherina; igienizzazione di tavoli e sedie alla fine del gioco; sostituzione frequente dei mazzi di carte”.

    “Ma davvero si può tornare a giocare a carte?”: lo chiedeva nella serata di ieri, venerdì 3 luglio, un signore ad un altro alla casa del popolo di Mercatale.

    Perché è importante (e bello) anche stupirsi di fronte alle piccole cose. Dopo quello che hanno rappresentato gli ultimi mesi… .

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino