spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 5 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ponte a Niccheri: si rompe l’acquario nel reparto Radioterapia. Pesci salvati

    I pazienti gli sono molto affezionati. All'improvviso ha iniziato a perdere acqua. Contiene circa 4.000 litri di acqua

    PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) – Si è rotto stamattina l’acquario della Radioterapia del presidio ospedaliero Santa Maria Annunziata, a Ponte a Niccheri (OSMA).

     

    Occupava l’intera parete della sala d’aspetto ed era stato istallato nell’ambito del progetto di “umanizzazione delle cure”, per creare, in particolare, momenti di distrazione ai pazienti che dovevano sottoporsi alla cure oncologiche.

     

    L’acquario proprio nella giornata di ieri era stato sottoposto alla consueta manutenzione periodica senza rilevare particolari problemi; stamattina, all’improvviso, ha iniziato a sversare dalle fessure i circa 4.000 litri di acqua.

     

    Immediatamente i pazienti sono stati condotti in un ‘area sicura e con un percorso alternativo hanno potuto raggiungere il servizio per effettuare regolarmente le visite e i trattamenti radioterapici.

     

    E’ poi intervenuta la ditta specializzata che ha condotto in salvo e ricoverato i numerosi pesci, alcuni anche rari, mentre i tecnici aspiravano l’acqua dalla sala d’attesa e il personale effettuava la pulizie.

     

    Il reparto radioterapico dell’OSMA, diretto dal dottor Paolo Bastiani, è stato realizzato nel 2009.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...