spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Una serata con i ragazzi della squadra che gioca alla palla ovale: fra fango e birre nel “terzo tempo”

     

     

     

     

     

    Il lunedì e il mercoledì all’Antella si gioca… a rugby. Alcuni ragazzi hanno messo su una squadra e si esercitano nel "campo di sopra", sotto al Poggino. In questo rettangolo di terra si allenano le squadre di calcio biancocelesti fin dai tempi in cui anche a pallone ci si presentava con i pantaloncini trovati in casa e la felpa comprata al mercato del giovedì.

     

    Pure i ragazzi dell’Antella Rugby, in quanto a stile, dicono la loro. Senza casacche ufficiali (per ora), vestiti spaiati, ricordano i giocatori del film cult con Bud Spencer "Lo chiamavano Bulldozer" (anche se lì il gioco è il football americano) dove fra scazzottate e frittate iperproteiche, improbabili atleti disputano una sfida memorabile.

     

    "Con quel fango sembra di tornare alle origini", esclama uno dei giovani rugbisti. Siamo lontani dalle palestre da fighetti. Qui si fa sport per davvero. Allenatori esperti insegnano i fondamentali: come si sta schierati in campo, il placcaggio, il ruck, la maul, il contrasto. I ragazzi corrono, si scontrano, avanzano passando indietro la palla, vanno a meta.

     

    Dopo un paio d’ore di allenamento, fatta la doccia, si siedono ai tavolini del circolo per giocare il cosiddetto "terzo tempo": birre, chiacchiere, commenti post partitina, risate e magari un dolce portato da casa. "Con il rugby ci si diverte. Generosità e rispetto per gli avversari stanno alla base di tutto".

     

    I comportamenti scorretti sono puniti e chi cade non fa tante scene come nel più popolare calcio. C’è qualcuno che ha già giocato "rischiando la serie A" ma la maggioranza, fino a ora, non aveva mai visto una palla ovale. La squadra è in crescita e promette bene. Per il mese di marzo sono previste le prime partite amichevoli.

     

    Il rugby non è uno sport violento anche se qualche precauzione, come il paradenti, ci vuole. Quindi "don’t try this at home". Piuttosto venite a giocare al CRC Antella e buttatevi nella mischia.

    di Stefano Casprini

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...