spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 7 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Rubata a Bagno a Ripoli. Arrestato rumeno con accuse, fra le altre, per tentato omicidio

    BAGNO A RIPOLI – L'auto era stata rubata sabato 2 novembre nel comune di Bagno a Ripoli: alle 3.30 di stamattina, una pattuglia del Nucleo Radiomobile della Compagnia carabinieri di Pontassieve è intervenuta via di Monteloro, a seguito del furto in un'abitazione.

     

    Mentre la pattuglia stava andando sul luogo del reato, ha incrociato Volkswagen Golf. Alla vista dei militari il conducente si è fermato e se l'è data a gambe nella campagna circostante.

     

    Dai primi accertamenti è risultato, appunto, che l’autovettura era stata rubata pochi giorni fa a Bagno a Ripoli. Al suo interno attrezzi da scasso e numerosi oggetti rubati. Che, in parte, sono stati restituiti al legittimo proprietario. L’autovettura è adesso sotto sequestro per gli accertamenti del caso.

     

    Nelle immediate vicinanze la pattuglia ha poi fermato per un controllo B.F., 33enne, rumeno, nullafacente, pregiudicato, sul cui conto pendeva un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa in data 17 settembre 2013 dal Tribunale di Roma, per tentato omicidio nei confronti di un soggetto che aveva spinto giù dal secondo piano di un palazzo nel settembre 2013. 

     

    L’arrestato è stato portato presso la Casa Circondariale di Firenze Sollicciano a disposizione dell’autorità giudiziaria. Sul suo conto sono in corso accertamenti investigativi finalizzati a stabilire la sua eventuale responsabilità nel furto in abitazione avvenuto poco prima.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...