spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Aperte le iscrizioni (due lezioni gratis) ai corsi di scherma medievale e rinascimentale

    BAGNO A RIPOLI – Alla riscoperta dell'antica arte marziale italiana sulla base dello studio dei trattati originali: la “Sala d'Arme Achille Marozzo”, da novembre, tiene ogni martedì e giovedì incontri pratici e teorici sull'evoluzione delle armi bianche e delle tecniche schermistiche.

     

    Ancora aperte le iscrizioni ai corsi per l'anno accademico 2013/2014 sulle tecniche di combattimento di scherma medievale e rinascimentale italiana, con le prime due lezioni introduttive gratuite.

     

    Si potrà studiare ed esercitarsi sui combattimenti, come in uso nei duelli civili del Cinquecento con varie armi: spada sola, spada e daga, spada e brocchiero, spada e rotella, spada e targa, spada a due mani e armi in asta, come descritto nei trattati.

     

    Il corso del primo anno si concentrerà sui principi fondamentali della scherma, pratica con spada a una mano secondo le tecniche medievali e rinascimentali della classica scuola bolognese (la più evoluta e conosciuta del tempo) dei maestri Achille Marozzo (Opera Nova, 1536) e Antonio Manciolino (Opera Nova, 1531), introduzione al gioco largo e nozioni di gioco stretto.

     

    Le lezioni si terranno nei giorni di martedì e giovedì presso la palestra della scuola Redi di Bagno a Ripoli in via di Belmonte 40, dalle 21 alle 23; negli stessi giorni e orari è possibile frequentare il corso tenuto a Firenze, presso palestra della scuola Balducci, in via Pistoiese all'incrocio con viuzzo della Cavalla.

     

    La “Sala d'Arme Achille Marozzo” è un'associazione sportiva-culturale senza fini di lucro, con l'obiettivo di promuovere e di tramandare le antiche discipline di combattimento o arti marziali italiane che fino al XVII secolo hanno dettato le regole della scherma in Europa. Conta su un elevato numero di iscritti impegnati in vari campi di studio, nonché sulla collaborazione attiva con membri di diverse associazioni sia italiane sia straniere, come FIS "Federazione italiana scherma" e HEMAC "Historical European Martial Art Coalition",che si occupano concretamente di arti marziali occidentali.

     

    A oggi, in tutto il territorio italiano, si contano 39 Sale d'Armi vere e proprie dove si organizzano corsi sportivi per l'apprendimento pratico delle tecniche, gruppi di studio e ricerca, traduzione e trascrizione degli antichi trattati originali, al fine di tramandare l'arte della scherma antica.

     

    Dato l'alto numero di richieste di partecipazione in Toscana oltre le sedi già presenti di Firenze, Pisa, Siena, Lucca e Arezzo, da quest'anno è aperta una sede anche a Bagno a Ripoli (clicca qui).

     

    La sede gigliata svolge ampio lavoro di ricerca sulla scherma del Medioevo e del Rinascimento. La “Sala d'Arme Achille Marozzo”, nel corso degli anni, ha collaborato alla pubblicazione di diversi antichi trattati, tra i quali quello del primo Maestro fiorentino Francesco Altoni, probabilmente il Maestro d'armi del Duca Cosimo I dei Medici.

     

    Grazie a questo impegno, finalmente, dopo lungo tempo passato sullo studio sui trattatisti toscani, si sono aperti, per la prima volta nel 2007, corsi sulle tecniche della antica scuola di scherma fiorentina.

     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...