spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 10 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Salta il pranzo con Matteo Salvini e Susanna Ceccardi a Bagno a Ripoli: “Minacce e ritorsioni”

    Scipioni (Lega provinciale): "Scuse del ristoratore arrivano dopo messaggi apparsi sui social con minacce e boicottaggi da parte dei "democratici" esponenti della sinistra"

    BAGNO A RIPOLI – La motivazione ufficiale è “difficoltà organizzative” dovute alla normativa anti Covid. E potrebbe anche essere.

    La realtà è che il pranzo conviviale previsto per domani al ristorante Centanni, nel comune di Bagno a Ripoli, con la candidata della Lega alla presidenza della Regione Susanna Ceccardi, accompagnata da Matteo Salvini, stava vedendo salire contro una marea di commenti a dir poco negativi.

    Tanto che il segretario provinciale della Lega, Alessandro Scipioni, non usa mezzi termini: “Purtroppo non è la prima volta, anzi di casi in tutta la Toscana se ne sono verificati diversi negli ultimi anni”.

    “Riguardo al pranzo di venerdì 28 agosto avevamo già concordato tutto – prosegue l’esponente leghista – e quindi il ristoratore era a perfetta conoscenza di chi organizzava, di quanti posti erano stati prenotati e soprattutto della presenza di Matteo Salvini”.

    # Niente pranzo Salvini-Ceccardi, il ristorante Centanni: “Impossibile rispettare le normative anti Covid”

    “Prendiamo atto delle scuse sul distanziamento per le misure anticovid accampate dal ristorante – aggiunge – ma guarda caso arrivano dopo alcuni messaggi apparsi sui social con minacce e boicottaggi da parte dei “democratici” esponenti della sinistra”.

    “Ma è normale che nel 2020 – continua Scipioni – in Toscana ci sia ancora un clima di intimidazione politica verso chi non è di sinistra, per cui ci sono aggressioni ai banchetti leghisti?

    Ma anche, rimarca Scipioni, “contromanifestazioni in occasione dei comizi della Lega e persino boicottaggi e minacce verso chi, come hotel, ristoranti, bar e locali, per lavoro, ospitano eventi del Carroccio”.

    Eugenio Giani ed Enrico Rossi – conclude – e in questo caso pure il sindaco di Bagno a Ripoli, non hanno niente da dire riguardo a questa violenza politica?”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...