domenica 5 Luglio 2020
Altre aree

    Santa Messa, aperitivo in piazza e spettacolo in vernacolo: così Bagno a Ripoli festeggia il suo Patrono

    Lunedì 29 giugno non ci sarà la tradizionale cena su via Roma, annullata causa Covid, ma non mancheranno le iniziative di comunità per festeggiare i Santi Pietro e Paolo

    BAGNO A RIPOLI – L’emergenza Covid interrompe la tradizione della cena collettiva su via Roma, ma Bagno a Ripoli non rinuncia a festeggiare il suo Patrono.

    Lunedì 29 giugno nel capoluogo non mancheranno le iniziative di comunità per celebrare i Santi Pietro e Paolo.

    Gli appuntamenti saranno organizzati dall’amministrazione comunale in collaborazione con la Sala Ruah e l’associazione dei commercianti di Bagno a Ripoli. 

    Alle 17 sono in programma la Messa e la cerimonia dei Ceri alla Pieve di San Pietro a Ripoli celebrate da don Francisco Evaristo.

    Alle 19, l’appuntamento è con un aperitivo-cena all’aperto in piazza San Francesco, accanto alla chiesa della Pentecoste.

    A seguire, alle 21.15, la compagnia della parrocchia si esibirà nello spettacolo in vernacolo “La zona tranquilla” di Emilio Caglieri per la regia di Massimo Beni.

    Lo spettacolo non è a scopo di lucro e tutti i proventi andranno a sostenere le iniziative della parrocchia (info 3312144464 – [email protected]). 

    “L’emergenza sanitaria – dichiarano il sindaco Francesco Casini e l’assessora Francesca Cellini – stavolta purtroppo ha fermato la tradizionale cena del Patrono sulla via Roma che da tanti anni accompagnava le celebrazioni dei Santi Pietro e Paolo. Ma la voglia di trascorrere insieme, nel rispetto delle regole di prevenzione, questa giornata è stata più forte”.

    “Un ringraziamento speciale – tengono a dire – a tutti coloro che nonostante le difficoltà del momento hanno unito le forze per realizzare questa serie di appuntamenti dedicati all’intera comunità”. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...