spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ieri la sua candidatura alle primarie: gesto intimidatorio? Lui: “Solo un maleducato”

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – Una scritta vergata a caso dal writer (maleducato) di turno, oppure un messaggio (in realtà assai criptico…) inviato all'assessore Francesco Casini, che proprio ieri ha ufficializzato la dua partecipazione alle primarie da sindaco di Bagno a Ripoli (clicca qui per leggere l'articolo)?

     

    Questa mattina all'Antella ci si è svegliati con delle scritte rosse sulla facciata di un palazzo di proprietà dello stesso Casini: "Arriva il Ballon d'essei Borsellino" si legge in una parte. Il resto è quasi illeggibile.

     

    Accertamenti sono in corso per capire chi abbia fatto la scritta e con quali motivazioni.

     

    Intanto, questa mattina l'altro candidato alle primarie, il vicesindaco Alessandro Calvelli, ha chiamato Casini per esprimergli la propria vicinanza.

     

    Nel pomeriggio di oggi, giovedì 9 gennaio, la presa di posizione ufficiale di Casini con un post su Facebook: "Intanto ringrazio per la vicinanza tutti coloro che mi hanno scritto o telefonato – scrive Casini – Bisogna cercare di sdrammatizzare l'accaduto. Crediamo che si tratti di un gesto isolato, semplicemente di un maleducato".

     

    "Siamo sicuri – conclude – che la campagna elettorale per le primarie si svolgerà in un clima di grande serenità. Tutto ciò ci dà un motivo più per ripartire dai contenuti e dai temi in cui più crediamo: su tutti l'investimento in educazione e scuola. Noi guardiamo avanti… e sempre con il sorriso".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...