spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Scritti ripolesi”, presentazione alla biblioteca di Ponte a Niccheri sabato 26 gennaio

    L'antologia che raccoglie contributi sulla storia del territorio presentata dal sindaco e dall'assessore alla cultura

    PONTE A NICCHERI (BAGNO A RIPOLI) – Si svolgerà sabato 26 gennaio alle 17.30 la presentazione del libro “Scritti Ripolesi – Autori per Bagno a Ripoli”, un'antologia che raccoglie contributi sulla storia del territorio, con temi che vanno dalla mietitura alla Madonna dei Pargoli a Quarate, dalla falegnameria Barbieri alla Fattoria di Belmonte, dalle curve dell'Arno a Candeli alla predella di S. Bartolomeo. Tante curiosità e dettagli che arrivano dal passato e raccontano la ricchezza storica e culturale della comunità ripolese.

     

    Con gli scritti di: Roberto Baldini, Lisa Baracchi, Cecilia Barbieri, Elisabeta Brunelleschi, Berlinghiero Buonarroti, Marco Masini, Massimo Casprini, Andrea Greco, Giovanni Malanima, Maria Pagnini, Lorenzo Petrioli, Silvia e Marcello Rabatti, Mauro Salvadori, Michele Turchi (Pagnini editore).

     

    L'iniziativa si aprirà con i saluti del sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini, dell'assessore alla cultura Annalisa Massari e dell'editore Sara Pagnini. Sono previsti interventi di alcuni degli autori dei saggi. La Biblioteca comunale è in via di Belmonte 38, in località Ponte a Niccheri. Info: 055 64 58 81/79

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...