spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 3 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Scuole sicure, indagini sismiche su cinque edifici nel comune di Bagno a Ripoli

    Il monitoraggio interesserà controsoffitti e solai di quattro strutture comunali e dell’Isis Gobetti-Volta. E sarà finanziato con risorse del Miur

    BAGNO A RIPOLI – Scuole sicure, a Bagno a Ripoli via alle verifiche sismiche su cinque edifici, quattro di competenza comunale e uno della Città Metropolitana di Firenze.

    Il monitoraggio interesserà la scuola secondaria di primo grado Granacci nella frazione capoluogo, la scuola primaria Michelet all’Antella, la scuola “Enriques Agnoletti” del Padule, la scuola di Rimaggio, oltre all’edificio dell’Isis Gobetti-Volta su via Roma.

    Le indagini statiche di verifica serviranno ad individuare eventuali interventi di adeguamento che interesseranno i solai e i controsoffitti strutturali e non strutturali.

    Il monitoraggio sarà finanziato dal Ministero dell’Istruzione dell’Università e si concluderà entro fine agosto.

    Le indagini si aggiungono alle verifiche già attivate con la Regione Toscana per la vulnerabilità sismica delle altre scuole comunali.

    “Prosegue – spiegano il sindaco Francesco Casini e l’assessore alla scuola Francesco Pignotti –  il piano di monitoraggio già attivato da tempo in molti dei nostri edifici scolastici”.

    “La sicurezza delle scuole – concludono – è la massima priorità e continueremo a investire in questo campo risorse ed energie”.

    La scuola Michelet di Antella

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...