spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sociale, nell’ex presidio sanitario di Grassina la nuova casa del “Dopo di Noi”

    Grazie all'accordo tra Asl e Comune il vecchio distretto di via Dante Alighieri potrà ospitare esperienze di autonomia abitativa per persone con disabilità senza supporto familiare

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Al posto dei vecchi ambulatori, nuovi appartamenti per ospitare esperienze di autonomia abitativa per donne e uomini con disabilità.

    La seconda vita dell’ex presidio sanitario di Grassina sta per iniziare nel segno del “Dopo di Noi”.

    La palazzina di via Dante Alighieri sarà la nuova casa per progetti di assistenza abitativa in favore di persone diversamente abili prive del sostegno famigliare dopo la scomparsa di parenti che potessero prendersi cura di loro. 

    C’è questo alla base del protocollo di intesa tra Azienda Usl Toscana Centro, proprietaria dell’immobile, e il Comune di Bagno a Ripoli, che con un contratto di comodato d’uso di 22 anni sosterrà il recupero dell’edificio e guiderà il progetto con il proprio ufficio del Sociale.

    Per finanziare il progetto, il Comune proprio in questi giorni si è candidato al bando coordinato dalla Città Metropolitana di Firenze per la qualità dell’abitare: per completare l’intervento di ristrutturazione, con la totale redistribuzione degli spazi, occorrono oltre 300mila euro.

    Dai vecchi ambulatori e dagli uffici dell’ex presidio nasceranno due appartamenti di 185 e 125 metri quadrati che potranno ospitare complessivamente 8 persone.

    La palazzina

    I due appartamenti saranno collegati ad uno spazio centrale con un nucleo di assistenti. Ogni stanza sarà pensata per accogliere al meglio persone portatrici di handicap e gli arredi saranno studiati su misura per le esigenze di persone con disabilità. 

    “È un progetto a cui teniamo moltissimo – dice il sindaco Francesco Casini – finalmente il “Dopo di Noi” avrà un’altra casa tutta sua, di sua proprietà. Sarà gestita dalla Fondazione Nuovi Giorni, da molti anni in prima linea nei percorsi di autonomia abitativa per le persone con disabilità e darà una risposta concreta e inclusiva alle associazioni e alle realtà del territorio che da sempre si prendono cura delle persone più fragili”.

    “Abbiamo deciso di cedere all’amministrazione l’immobile in comodato gratuito – commenta il direttore generale della Ausl Toscana Centro, Paolo Morello – condividendone la destinazione: la struttura rappresenta una risposta concreta ai tanti genitori che si chiedono: chi si prenderà cura di mio figlio quando io non ci sarò più?”

    “A questo interrogativo – prosegue Morello – risponderà il Comune che ha previsto un significativo investimento per riconvertire ad uso abitativo i vecchi spazi del distretto. La nuova Casa sarà realizzata anche grazie alla nostra legge regionale che supporta questi importanti progetti innovativi di residenzialità per le persone disabili, che rappresentano un’alternativa alle tristi e inadeguate istituzionalizzazioni”.

    “Ringrazio quindi il sindaco – conclude – che si è fatto avanti insieme al suo assessore al sociale per realizzare un progetto che guarda al futuro delle persone più fragili”. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...