spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Strage via d’Amelio, questore e sindaco commemorano le vittime a Bagno a Ripoli

    In largo Emanuela Loi l'omaggio a trent'anni dall'attentato mafioso che costò la vita al giudice Paolo Borsellino e agli agenti della scorta

    BAGNO A RIPOLI – Emanuela Loi è stata la prima donna poliziotto a morire in servizio per mano della mafia: a soli 25 anni il 19 luglio 1992 venne uccisa nell’attentato mafioso di via D’Amelio, costato la vita al giudice Paolo Borsellino e agli agenti della scorta.

    A trent’anni esatti dalla strage, ancora oggi una ferita aperta per il Paese insieme all’attentato di Capaci, il Comune di Bagno a Ripoli e la Questura di Firenze hanno ricordato congiuntamente chi perse la vita servendo lo Stato.

    Il sindaco Francesco Casini e il questore della provincia di Firenze Maurizio Auriemma questa mattina hanno deposto un mazzo di fiori alla lapide dedicata alla giovane Emanuela Loi, nella piazza della frazione capoluogo che porta il suo nome.

    “Un gesto simbolico ma doveroso per ringraziare chi pagò con la vita la lotta alla mafia e per rendere omaggio a chi ancora oggi è in prima linea – ha spiegato il primo cittadino – Come doveroso è l’esercizio della memoria verso le nuove generazioni: per chi compie oggi 18 anni, il 1992 può sembrare una data lontana, qualcosa da studiare nei libri di storia”.

    “Sta a noi – ha aggiunto – a chi c’era, tenere vivo il ricordo delle vittime e i valori per i quali si sacrificarono: democrazia, giustizia, la difesa delle istituzioni democratiche”.

    “La dedizione al lavoro di Emanuela – ha sottolineato il questore della provincia di Firenze – che appena 25enne, credendo fermamente nella pace, nella giustizia e nella libertà, affronta con grande determinazione, fino al sacrificio estremo, i doveri ai quali ha giurato fedeltà indossando la divisa della Polizia di Stato, sarà per sempre un fulgido esempio di coraggio per tutte le generazioni passate, presenti e future”.

    Il 19 luglio 1992 il giudice Paolo Borsellino viene ucciso dalla mafia in via D’Amelio a Palermo con un’autobomba carica di esplosivo, mentre si reca a fare visita alla madre.

    Con lui muoiono gli agenti della scorta: Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

    Nemmeno due mesi prima, il 23 maggio 1992, a Capaci, la mafia aveva ucciso il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato, e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.

    Il 16 maggio 2019 Bagno a Ripoli intitola ad Emanuela Loi il piazzale adiacente alla Croce Rossa nella frazione capoluogo, con un’iniziativa promossa insieme ad Auser e Spi Cgil. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...