spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tassa sui rifiuti: cambio a partire dall’1 gennaio 2013. I dettagli

    Il 20 gennaio 2013 scade a Bagno a Ripoli la Tassa dei Rifiuti (Tarsu) 2012: dal 2013 arriva la Tares: entro il 20 gennaio 2013 chi ha iniziato nuove occupazioni di locali ed aree operative (queste ultime per le attività) o ha effettuato variazioni in aumento di superficie tassabile nel corso del 2012 deve presentare la denuncia per l'applicazione della Tarsu. Entro tale data vanno presentate anche le denunce per immobili di cui si è acquisito il possesso ma privi di arredi o in ristrutturazione (denuncia di immobile non utilizzato), da attivare successivamente con apposito modulo, quando ricorreranno le condizioni di tassabilità.

     

    Le cancellazioni o le variazioni che comportino un minore ammontare della tassa devono essere presentate contestualmente al loro verificarsi. Riduzioni e agevolazioni per particolari condizioni di uso possono essere concesse su richiesta degli interessati, presentando l'istanza sempre entro il 20 gennaio 2013 (purché il requisito per le riduzioni/agevolazioni sia stato acquisito durante il 2012). Si ricorda che deve essere denunciata anche la perdita nel corso dell'anno del requisito che da diritto alla riduzione ottenuta.

     

    La Tarsu è dovuta per l'occupazione o la disponibilità di locali ed aree scoperte operative esistenti nelle zone del territorio comunale dove è istituito ed attivato il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani; è calcolata in base alle superfici degli appartamenti/insediamenti, con esclusione delle zone dove si producono rifiuti speciali, tossici o nocivi o che per la loro natura o destinazione non possono produrre rifiuti. Sono escluse le aree scoperte pertinenziali dei locali tassabili e le aree adibite a verde; è applicata sulla base di tariffe diverse per categoria di utenza, stabilite dal regolamento comunale; non è soggetta a Iva.

     

    Sono obbligati al pagamento della tassa coloro che occupano o hanno a disposizione appartamenti o insediamenti, con vincolo di solidarietà fra i familiari o fra chi li utilizza in comune. Per le denunce sono a disposizione appositi modelli presso l'ufficio relazioni con il pubblico, l'ufficio tributi o scaricabili dal sito internet www.comune.bagno-a-ripoli.fi.it, da consegnare ai medesimi uffici nei seguenti orari. Ufficio Relazioni con il Pubblico: lunedì, mercoledì e venerdì 8-13; martedì e giovedì 8-12 e 14.30- 18; sabato 8.30-12.30. Ufficio Tributi: lunedì 8-13; martedì 14.30- 18. Le denunce possono anche essere spedite tramite posta: in questo caso vale come data di consegna la data del timbro postale.

     

    Dal 1° gennaio 2013 la Tarsu, come previsto dall'art.14 del Decreto Legge n. 201/2011, sarà sostituita dalla Tares, quale prelievo fiscale dovuto per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani e sui servizi. Le modalità di denuncia o di variazione per l'anno 2013 saranno previste nel Regolamento che è in fase di attuazione e di cui sarà data comunicazione in seguito.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...