spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 2 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Chi si vuole occupare del teatro di Antella? Il Comune cerca candidati per la gestione

    C'è tempo fino al 18 maggio per farsi avanti. Il Comune sostiene gli spettacoli con 30 mila euro l'anno

    BAGNO A RIPOLI – C'è tempo fino al 18 maggio per candidarsi alla gestione del teatro comunale di Antella per i prossimi cinque anni, dal  2016 al 2021.

     

    Il Comune è proprietario dell'immobile di pregio storico di Via di Montisoni 10, ad Antella, che ospita al piano terra il teatro con 99 posti, in regola per ospitare gli spettacoli.

     

    L'amministrazione comunale, sulla base della positiva esperienza maturata negli anni passati ha intenzione di continuare ad affidare all'esterno la gestione del Teatro Comunale di Antella.

     

    Con l'avviso in pubblicazione si chiede a associazioni e imprese, soggetti pubblici o privati di farsi avanti solo in un secondo momento gli interessati saranno invitati a rimettere la loro migliore offerta e il miglior progetto tecnico di gestione del teatro comunale di Antella, nella quale dovranno essere presenti sia indicazioni e proposte sulla gestione dell'immobile (piano terra ed aree esterne), sia una proposta di cartellone teatrale. La concessione sarà affidata sulla base della sola valutazione dell'offerta tecnica.

     

    Il Comune di Bagno a Ripoli potrà erogare un contributo annuo di 30 mila euro.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...