spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Territorio, tutti a bordo dell’A.R.C.A.: Associazione Ripolese per la Cultura dell’Ambiente

    Il presidente Valerio Pellegrini: "Imprescindibile una svolta, in ogni e in tutti i territori del nostro paese, per non tornare indietro agli errori del passato"

    BAGNO A RIPOLI – E’ nata da pochi giorni A.R.C.A. (Associazione Ripolese per la Cultura dell’Ambiente). Nasce, spiega in una nota, “dall’incontro tra varie sensibilità di cittadini ripolesi, che si sono riuniti e hanno messo in comune passioni, energie e una visione del futuro”.

    “L’idea – dice il presidente, Valerio Pellegrini – era nata prima dell’emergenza del Coronavirus, che con il suo stravolgimento però ci ha rafforzato a ritenere imprescindibile una svolta, in ogni e in tutti i territori del nostro paese, per non tornare indietro agli errori del passato”.

    “Vogliamo aprire gli occhi – riprende Pellegrini – verso una profonda conoscenza di tutte le realtà che ci circondano, per diventare cittadini attenti e consapevoli, ad iniziare da azioni per favorire la partecipazione consapevole sulle questioni riguardanti il governo del territorio del comune di Bagno a Ripoli, promuovendo e diffondendo la tutela e la valorizzazione dell’ambiente e del paesaggio, indispensabili per contrastare i mutamenti climatici già in atto, nonché del patrimonio storico e artistico”.

    “Conoscere e prendersi cura – puntualizza – questi i due aspetti chiave, promuovendo il consumo zero di suolo, l’economia circolare e rifiuti zero, la conservazione della diversità biologica delle specie e degli ecosistemi, l’uso sostenibile delle risorse naturali e la riduzione degli impatti antropici, la gestione collettiva e dal basso dei beni comuni, la realizzazione e trasformazione di centri abitati in contesti inclusivi, salubri, duraturi e sostenibili”.

    “Ma anche l’incentivazione – sottolinea Pellegrini – e l’attuazione di forme di mobilità sostenibile e la fondamentale (ma spesso trascurata) riorganizzazione degli spazi pubblici in funzione delle persone e dei cittadini più fragili”.

    “L’ARCA vuol essere luogo di scoperta e confronto fra cittadini – auspica – con l’intento di costruire, attraverso la conoscenza, visioni condivise per migliorare la qualità della vita sul nostro territorio”.

    In che modo? “Sullo sfondo, e come metodi, abbiamo in mente strumenti quali l’inclusività, l’ascolto e l’osservazione, la nonviolenza e la cultura della pace. Le iniziative organizzate dall’associazione saranno quindi momenti di confronto, conoscenza, partecipazione attiva in cui le parole si mescoleranno all’arte, alla musica, all’aria aperta, al piacere di stare insieme”.

    “Alla base dell’associazione – dice ancora il presidente – c’è l’idea forte di voler essere attivi e quindi ci impegneremo in iniziative non solo di conoscenza e divulgazione, ma anche di trasformazione sociale attraverso la pratica, per dare spazio alle relazioni umane nella nostra comunità che vogliamo più coesa”.

    “L’acronimo dell’associazione richiama l’arca – conclude Pellegrini – sia nel senso di cassa che conserva le leggi comuni fondamentali, sia intesa come nave di giunchi intrecciati, perché nessuno si salva da solo e certamente non senza regole e metodi condivisi. Vorremmo perciò invitare chiunque voglia a imbarcarsi con noi, a mettere in comune le proprie esperienze ed idee per Bagno a Ripoli, per questa parte di “giardino” sempre più planetario, di cui essere custodi capaci. Non con l’unico scopo di conservarlo, ma anche di saperlo vivere e far fiorire”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...