spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Terza corsia A1, la Lega al sindaco: “Il vostro è un muro di gomma. Risolvete i problemi che avete creato”

    Il Carroccio ripolese: "La polemica e le dichiarazioni del sindaco oggi sono inutili, e i cittadini non abboccheranno a questo ennesimo e ridicolo scaricabarile di responsabilità"

    BAGNO A RIPOLI – “Adesso che gli accordi con Società Autostrade sono stati presi senza pensare ai danneggiamenti alle case che si stanno verificando, chi pensa ai cittadini che stanno subendo impotenti i danneggiamenti?”.

    Lo dice la Lega Bagno a Ripoli. E il tema è quello, annoso, dei lavori della terza corsia dell’A1. E il relativo impatto sulla vita e le proprietà dei cittadini, in particolare ad Antella.

    “Le tardive e inutili dichiarazioni del sindaco Francesco Casini contro Società Autostrade – incalza la Lega – non risolvono problemi che dovevano essere evitati prima”.

    “Uno studio più approfondito – rilanciano – sarebbe stato opportuno, adesso i nodi vengono al pettine. La polemica e le dichiarazioni del sindaco oggi sono inutili, e i cittadini non abboccheranno a questo ennesimo e ridicolo scaricabarile di responsabilità”.

    “Si ammetta di aver sbagliato – rincara la Lega ripolese – Si ammetta di aver sottovalutato il problema. Si intervenga dibattendo e discutendo in consiglio comunale la migliore soluzione per aiutare chi è stato danneggiato e per evitare possibili altri casi”.

    “Il vostro muro di gomma non sta in piedi – concludono rivolti all’amministrazione comunale – fate un passo indietro e preoccupatevi davvero di risolvere i problemi invece di dare la caccia alle streghe”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...