spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Terza corsia A1, M5S: “Il sindaco colto alla sprovvista adesso… si fa scuro”

    Campo base, flussi di traffico: i pentastellati ripolesi "dipingono" un Casini preoccupato. "Cupo e pensieroso"

    BAGNO A RIPOLI – E' quasi una analisi di stampo "lombrosiano" quella che il MoVimento 5 Stelle fa del sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini.

     

    Il tema è quello ormai noto dei lavori per la terza corsia dell'A1. L'oggetto nello specifico è la riunione che si è tenuta il 18 gennaio, quella della Commissione terza corsia A1 con i tecnici di Società Autostrade Spa.

     

    "Il clima  disinvolto e cordiale ad una prima occhiata – esordiscono i pentastellati – nascondeva in realtà preoccupazione ed imbarazzo per quanto si sta prospettando nel comune di Bagno a Ripoli, un tempo tranquilla cittadina dell'interland fiorentino".

     

    Da qui l'"analisi visiva" del volto del primo cittadino: "Il sindaco Casini, uomo dai colori chiari che si fa spesso ritrarre in atteggiamenti rassicuranti e sguardo solare, ha mostrato un volto cupo e pensieroso, gli occhi persi sulle planimetrie della "sua città" che quasi stentava a riconoscere oppure fissi negli occhi del responsabile dei cantieri, come a rimproverarlo di aver tratto i "suoi cittadini" e lui stesso in un tranello".

     

    "Eh, sì – prosegue il M5S ripolese – potete sforzarvi quanto volete nel difendere e accreditare lo scempio che Autostrade spa, con la complicità dei vostri amministratori, sta intraprendendo sul territorio: non c'è nulla che accadrà e che alcuni cittadini contrari ed illuminati (pochi in verità) non vi abbiano già preannunciato. Proprio quei cittadini: ai banchini, in rete, con i volantini porta a porta, con le marce nei campi, vi  hanno già raccontato da tempo cose alle quali non avete voluto credere ma che si palesano ogni giorno di più".

     

    E vanno a elencarle: "Dagli espropri all'inquinamento dell'aria, dei terreni e delle acque, dal rumore assordante che ci sarà giorno e notte, al traffico che diventerà delirante, al rischio stradale che aumenterà. Quei cittadini avevano domandato che necessità oggettive ci fossero per costruire una terza corsia e quali vantaggi avrebbero ottenuto i residenti: nessuna risposta, solo vuote rassicurazioni".

     

    "E adesso che i tecnici hanno confessato di non  conoscere il reale flusso di traffico che c'è – rimarcano – all'uscita di Firenze Sud (e che devono monitorizzarlo per verificare se i lavori di compensazione che il Comune di Firenze ha chiesto sono effettivamente utili a ridurlo) beh… l'amara soddisfazione di quei cittadini lungimiranti diventa ancora più amara".

     

    "E adesso – sottolineano annunciando una ulteriore novità – che compare la terribile possibilità che nasca un campo base con uffici e dormitori ad Antella, perché Pavimental non potrebbe avere confermato l'appalto e dovranno chiudere il campo base nel territorio imprunetino… adesso il volto del sindaco si fa più scuro e le mani passano sugli occhi come a cercare di chiuderli per non immaginare il futuro".

     

    "Auguri, cari ripolesi – conclude il M5S – Noè salvò le bestie… ma con gli uomini non riuscì: la troppa intelligenza li uccise".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...