spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 7 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tombolata di fine estate, corsi di “telefonino” e laboratori in musica: al Centro anziani di Meoste

    Tante attività al circolo dei "nonni" di Bagno a Ripoli coordinato da Coop.21 in collaborazione con il Comune. Si parte il 15 settembre

    BAGNO A RIPOLI – Due anni con il freno a mano tirato a causa del Covid. Ma adesso, il Centro anziani di Meoste a Bagno a Ripoli (via Giusiani 37) è pronto a ripartire in quarta.

    Tanti gli incontri e i laboratori in calendario dall’autunno: dal corso di computer e telefonino fino alle lezioni di pittura.

    Tra le attività più gettonate la sempreverde tombolata. Si parte da qui, giovedì 15 settembre, per inaugurare la programmazione dei prossimi mesi.

    A partire dalle 15, festa di fine estate a suon di estrazioni con tanti premi per tutti. E a seguire, dalle 17, animazione con musica e balli popolari a cura delle Note bisbetiche con un ricco repertorio di valzer, polche e mazurche.

    Altra iniziativa da segnare in agenda il 21 settembre con la presentazione e una prova gratuita, alle 16, del laboratorio Movimento in musica, che si svolgerà dal 5 ottobre al 7 dicembre tutti i mercoledì, a cura di Letizia Cirri.

    Obiettivo del laboratorio è promuovere il benessere attraverso il movimento e l’espressione creativa con tecniche di “danza-movimento-terapia” e l’impiego di musica.

    Il corso, gratuito, prevede l’iscrizione obbligatoria. Info: 055633130info@coop.21.it. 

    Sempre da ottobre torna a grande richiesta il corso di pc condotto dal Gruppo ABC, in programma i martedì, per insegnare ad usare e conoscere le potenzialità degli strumenti digitali.

    I giovedì invece spazio all’arte con il laboratorio espressivo manuale di pittura. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...