spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dopo l’allarme dei giorni scorsi. Per adesso però dal Comune nessuna comunicazione ufficiale

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Ci risiamo: dopo la segnalazione del 17 novembre scorso (clicca qui per leggere l'articolo), in seguito alla quale il Comune di Bagno a Ripoli si era mosso chiamando l'Arpat, le acque del torrente Grassina oggi sono tornate a tingersi di "nero".

     

    Qui sopra vedete le foto inviateci oggi pomeriggio da una nostra lettrice. E se da un lato si sa che dovrebbe trattarsi di residui della lavorazione delle olive in qualche frantoio a monte, i cittadini si chiedono se sia legale sversare nel fiume in questo modo. E se ci siano delle conseguenze di qualche tipo.

     

    E qualcuno si lamenta anche del fatto che, a distanza di giorni dalla prima segnalazione, ancora nessuno da parte dell'amministrazione comunale ripolese abbia dato delle informazioni ufficiali, anche parziali (clicca qui per leggere l'articolo).

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...