spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tradizioni: domenica 24 luglio ad Antella rivive la Festa della Battitura

    A Borgo Petriolo tra cibo, musica, giochi per bambini e soprattutto storia e tradizioni agricole del nostro passato

    BAGNO A RIPOLI – Domenica 23 luglio torna la tradizionale Festa della Battitura a Borgo Petriolo, organizzata dall’azienda “Il Borgo”.

    Con il patrocinio del Comune di Bagno a Ripoli e la partecipazione delle aziende agricole Monna Giovannella, Spighe Toscane, l’Associazione Grani Antichi di Bagno a Ripoli, Slow Food Firenze e Legambiente.

    Una rievocazione storica organizzata per tramandare la tradizione della battitura del grano come a inizio ‘900, che sarà ricca di iniziative.

    Come ogni anno, verrà messa in funzione l’antica locomobile a vapore a dimostrazione di come avveniva la battitura del grano all’inizio del ‘900, insieme alla trebbiatrice.

    Per gli adulti saranno presenti stand di artigiani locali fino dalla mattina con prodotti tipici del territorio.

    Non mancheranno attività per i più piccoli, infatti nel pomeriggio verranno svolte attività come il truccabimbi, il laboratorio del legno, il battesimo della sella sui pony del maneggio il Rospetto, e ancora il tiro con l’arco con gli arcieri del vento.

    Sempre nel pomeriggio il presidente dell’associazione Wambli Gleska Alessandro Martire terrà una conferenza sulla cultura, le usanze e la spiritualità dei popoli nativi americani in particolare dei Lakota Sioux, con esposizione di oggetti originali.

    Per quanto riguarda lo spazio “food”, durante tutto l’evento sarà possibile assaggiare le specialità  della nuova botteghina del Borgo.

    Il ristorante di Riccardo e Serena invece rimarrà aperto a pranzo e a cena con menu alla carta e pizze fatte con il forno a legna (consigliata la prenotazione). Conclude l’evento dopo cena il dj Tagliaferri con musica anni ’70 e 80′. 

    Di seguito il programma integrale dell’iniziativa.
    • Ore 10.00: Apertura degli stand con i nostri artigiani locali

    • Ore 10.30: Apertura della Botteghina del Borgo e stand dedicati allo street food della tradizione Toscana

    • Ore 11.30: Preparazione della battitura, creazione della barca formata dai covoni di grano legati e tagliati a misura. Accensione della locomobile a vapore che produrrà l’energia necessaria per il funzionamento della trebbia che verrà azionata nel corso del pomeriggi

    • Ore 12.00: Benedizione delle spighe e Santa Messa a cura del parroco dell’Antella

    • Dalle 12.00 alle 15.00: Apertura del ristorante per il pranzo con piatti tipici della tradizione Toscana

    • Dalle 15.30 alle 20.00: Attività per i piccoli: Fantulin con il laboratorio del legno, Maneggio il Rospetto con i suoi pony, Truccabimbi con Animazione Rainbow, tiro con l’arco con Arcieri del Vento e parco giochi del Borgo

    • Ore 17.00: In collaborazione con l’Associazione Indiani d’AmericaWambli Gleska, sulle tracce dei Lakota Sioux, cultura, usanze e spiritualità con il presidente Alessandro Martire

    • Ore 18.00: Antica battitura: messa in moto della locomobile a vapore e della trebbia e dimostrazione di come avveniva la separazione dei semi e dalle spighe con la trebbiatrice

    • Dalle 19.30 alle 22.30: Apertura del ristorante e della pizzeria di Borgo Petriolo

    • Dalle 22.30 alle 01.00: Serata Danzante con DJ Enrico Tagliaferri, musica ’70-’80

    Per tutte le info è possibile chiamare 3384219250 o scrivere a info@borgopetriolo.it.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...