spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 26 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Potere al Popolo dice no alla tramvia: “Non collegherà Grassina e Antella”

    "Diciamo no alla trasformazione dell'area intorno a viale Europa e a un'opera dai costi esorbitanti"

    BAGNO A RIPOLI – Potere al Popolo dice no al progetto della nuova tramvia a Bagno a Ripoli e in occasione del convegno "Bagno a Ripoli Domani. Verso il piano strutturale e il piano operativo" che si è svolto venerdì 15 febbraio spiega il perché:

     

    "Siamo contrari perché questo progetto prevede, a fronte di poche centinaia di metri di tratto tramviario, l'accollo da parte del nostro Comune di modifiche al piano urbanistico a forte impatto ambientale. Tutta l'area attorno al viale Europa, quantificabile in quattro stadi Artemio Franchi, oggi a destinazione agricola ed in parte soggetta a vincolo cimiteriale, sarà trasformata in area commerciale o per sovrastrutture e servizi. E così quel che un tempo è stato l'orto di Firenze sarà stravolto da una cementificazione massiva".

     

    Continua il comunicato di Potere al Popolo: "Siamo contrari perché le previsioni di costo pari a 40 milioni di Euro sono già esorbitanti, destinati a crescere ulteriormente e non è stata effettuata una valutazione preventiva del rapporto costi-benefici".

     

    "Siamo contrari perché il progetto non prevede il collegamento, nemmeno in futuro con le frazioni di Grassina e Antella né raggiunge il presidio ospedaliero di Santa Maria Annunziata".

    Conclude il gruppo politico. "Siamo per una soluzione di trasporto pubblico a minor impatto ambientale, minor costo e che sia utile per il maggior numero dei residenti nel nostro comune".

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua