spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tre ospedali fiorentini dell’Asl Toscana Centro a misura di donna: Torregalli, Annunziata e Mugello

    Bollini rosa per tutti e tre. Valutati anche per la gestione di vittime di violenza e appropriatezza dei percorsi in ottica gender oriented

    BAGNO A RIPOLI – Premiati con i Bollini Rosa per il biennio 2022-2023 anche tre ospedali fiorentini della Toscana centro, insieme ai presidi ospedalieri aziendali di Prato, Pistoia, Pescia e Empoli.

    Il San Giovanni di Dio, il Santa Maria Annunziata e l’ospedale del Mugello hanno ricevuto il riconoscimento per la loro attenzione alla salute della donna dalla Fondazione Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, durante la cerimonia di premiazione che si è tenuta questa mattina.

    I tre ospedali fiorentini sono impegnati insieme a più di 350 sul territorio italiano nella promozione della medicina di genere e si distinguono per l’offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie non solo femminili.

    I Bollini Rosa assegnati premiano infatti i servizi rivolti alle patologie dell’universo femminile ma anche quelle che riguardano trasversalmente uomini e donne in ottica di genere. 

    L’iniziativa ha il patrocinio di Agenas, l’Agenzia Nazionale per i Servizi sanitari nazionali.

    Il riconoscimento è stato accolto con soddisfazione dai direttori dei tre presidi ospedalieri, Simone Naldini per il San Giovanni di Dio, Andrea Bassetti per l’Annunziata e Claudia Capanni per l’ospedale del Mugello.

    Avevano candidato i propri ospedali tramite un questionario composto da oltre 400 domande suddivise in 15 aree specialistiche più una sezione dedicata alla gestione dei casi di violenza sulle donne e sugli operatori sanitari.

    Tra i criteri di valutazione tenuti in considerazione anche il livello di preparazione dell’ospedale per la gestione di vittime di violenza fisica e verbale, oltre alla presenza di specialità cliniche che trattano problematiche di salute tipicamente femminili e trasversali ai due generi, tipologia e appropriatezza dei percorsi diagnostico-terapeutici e servizi clinico-assistenziali in ottica multidisciplinare gender-oriented.

    E, infine, l’offerta di servizi relativi all’accoglienza delle utenti alla degenza della donna a supporto dei percorsi diagnostico-terapeutici (volontari, mediazione culturale e assistenza sociale).

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...