spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Truffe agli anziani: come difendersi. Un incontro nella sala consiliare

    L'appuntamento il 17 gennaio alle 17 con rappresentanti del Comune e dei carabinieri a cui porre domande

    BAGNO A RIPOLI – Come difendersi dalle truffe? Lo spiegano i carabinieri nel corso dell'incontro offerto alla cittadinanza martedì 17 gennaio alle 17. L'appuntamento è organizzato nella sala consiliare Falcone e Borsellino, nel Palazzo Comunale, in Piazza della Vittoria 1, a Bagno a Ripoli/Capoluogo.

     

    Vi parteciperanno  Francesco Casini, Sindaco di Bagno a Ripoli, il capitano Michele Maselli, Comandante Compagnia Firenze Oltrarno, il luogotenente Angelo Ventura, Comandante Stazione Carabinieri Bagno a Ripoli e  Ilaria Belli, assessora alle politiche sociali.

     

    “Il 17 gennaio avremo l'occasione di un nuovo, utile, competente ed efficace appuntamento con la promozione della sicurezza – spiega Casini -, nel corso del quale i rappresentati dei carabinieri potranno fornire alla cittadinanza, in particolare agli anziani, suggerimenti e indicazioni su come muoversi e su come reagire alle truffe e ai tentativi di introdursi nelle private abitazioni, fenomeni che purtroppo continuano ad interessare, pur senza allarmismi, anche il nostro territorio".

     

    Conclude il sindaco: "Poiché la più colpita è la terza età, il consiglio è di partecipare numerosi ed attenti, gli anziani e i loro familiari: l'incontro offrirà infatti pure l'opportunità di fare il punto della situazione direttamente con i rappresentanti dell'Arma e di porre loro quesiti e domande. Vi aspettiamo!”

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...