mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    Tutti i risultati dei “nostri” undici candidati al consiglio regionale della Toscana

    Dalle 10.512 preferenze di Massimiliano Pescini alle 110 di Gianni Mantelli, candidato con Toscana a Sinistra da Barberino Tavarnelle

    CHIANTI FIORENTINO – Erano molti, forse mai come quest’anno, i candidati che dal nostro territorio (circoscrizione Firenze 2, Chianti, Mugello, Valdisieve e Valdarno) erano in lista per un posto in consiglio regionale.

    E oltre a Massimiliano Pescini, l’ex sindaco di San Casciano che con 10.512 preferenze è stato uno dei recordman addirittura a livello regionale, c’è da vedere come sono andati gli altri.

    Che a differenza di Pescini, candidato nella lista del Partito democratico, non entreranno in consiglio regionale.

    Da Bagno a Ripoli Rita Guidetti, ex assessore nell’ultima giunta con sindaco Luciano Bartolini, candidata nella lista Italia Viva +Europa, ha raccolto 178 preferenze.

    Da Barberino Tavarnelle l’attuale vicesindaco nella giunta di David Baroncelli, Giacomo Trentanovi, candidato nella lista Sinistra Civica Ecologista, ha raccolto 1.006 preferenze.

    Sempre da Barberino Tavarnelle Alberto Marini, consigliere comunale, ex presidente del consiglio comunale di Tavarnelle, ha raccolto 135 preferenze nella lista Orgoglio Toscana per Giani Presidente.

     

    Venendo al centrodestra, sono 1.144 le preferenze raccolte da un altro candidato di Barberino Tavarnelle, Leonardo Comucci (ex candidato sindaco ed ex consigliere comunale a Tavarnelle) nella lista della Lega.

    A Barberino Tavarnelle c’er anche la più giovane candidata in Toscana, Sofia Baldini, per la lista Toscana Civica per il cambiamento: per lei 135 preferenze.

    Sempre nella lista della Lega la consigliera comunale (capogruppo a San Casciano e referente per il Chianti) Eleonora Leoncini, di preferenze ne ha raccolte 383.

    Altro consigliere comunale a San Casciano, Luigi Venzi (San Casciano Civica), capolista nella circoscrizione 2 per Toscana Civica per il cambiamento a sostegno di Susanna Ceccardi: per lui 212 preferenze.

    Rimaniamo a San Casciano e rimaniamo nelle liste di centrodestra: con Fratelli d’Italia si candidava anche Enrico Farina, rappresentante storico della destra sancascianese. Per lui il contegio finale dice 567 preferenze.

    Chiudiamo, infine, con gli ultimi due candidati di area Chianti fiorentino, nella lista Toscana a Sinistra a sostegno della candidatura di Tommaso Fattori.

    La grevigiana Sofia Martelli ha raccolto 212 preferenze, mentre da Barberino Tavarnelle Gianni Mantelli si è fermato a 110.

    I candidati del nostro territorio e le preferenze raccolte

    • Massimiliano Pescini (San Casciano, Pd)_ 10.512

    • Leonardo Comucci (Barberino Tavarnelle, Lega)_ 1.144

    • Giacomo Trentanovi (Barberino Tavarnelle, Sinistra Civica Ecologista)_ 1.006

    • Enrico Farina (San Casciano, FdI)_ 567

    • Eleonora Leoncini (San Casciano, Lega)_ 383

    • Luigi Venzi (San Casciano, Toscana Civica per il cambiamento)_ 212

    • Sofia Martelli (Greve in Chianti, Toscana a Sinistra)_ 212

    • Rita Guidetti (Bagno a Ripoli, Italia Viva +Europa)_ 178

    • Alberto Marini (Barberino Tavarnelle, Orgoglio Toscana per Giani Presidente)_ 135

    • Sofia Baldini (Barberino Tavarnelle, Toscana Civica per il cambiamento)_ 135
    • Gianni Mantelli (Barberino Tavarnelle, Toscana a Sinistra)_ 110

    Elezioni regionali 2020: tutti i risultati nel nostro territorio

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...