mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    Ungulati. La polizia della Metrocittà Firenze cattura 400 cinghiali: anche a Bagno a Ripoli

    Nelle zone di Careggi/Cercina, Settignano/Fiesole, Sorgane/Bagno a Ripoli, Soffiano/Scandicci, Pian dei Giullari. Con trappole di 5 metri per 2,50

    FIRENZE – Consistente attività di contenimento degli ungulati, in particolare cinghiali, nelle aree urbane per garantire sicurezza e nelle aree rurali contro i danni alle colture.

    Gli ungulati si avvicinano ai centri abitati, diventando pericolosi in prossimità di strade abitate e in presenza di traffico veicolare.

    Impegnata in un’attenta opera di contenimento è la polizia della Città Metropolitana che solo intorno a Firenze ha catturato circa 400 cinghiali nelle zone di Careggi/Cercina, Settignano/Fiesole, Sorgane/Bagno a Ripoli, Soffiano/Scandicci, Pian dei Giullari, con l’utilizzo di idonee trappole di dimensioni di circa 5 metri per 2,50 che vengono monitorate quotidianamente.

    Viene garantita così la sicurezza in ambito urbano e periurbano, ma l’opera non si ferma solo a questi due contesti.

    La polizia della Metrocittà è indati impegnata a contenere gli ungulati nelle aree rurali anche per ridurre i danni alle colture.

    A questo proposito la Regione ha istituto un numero verde, per le richieste di intervento da parte degli agricoltori di tutto il territorio regionale.

    “Proprio presso il comando della polizia della Città Metropolitana – avverte il comandante Roberto Galeotti – Così attiviamo tutte le altre polizie provinciali per garantire l’intervento entro 48 ore dalla richiesta”.

    Il consigliere delegato alla polizia metropolitani sottolinea come da gennaio sia stato implementato il riordino dell’attività di prevenzione, dal momento che la presenza dei cinghiali ogni anno si ripresenta sempre più consistente.

    “Dobbiamo presto aumentare il numero degli agenti del corpo – aggiunge il consigliere – con un maggior coordinamento con le associazioni venatorie. Il primo passo è stato fatto con l’approvazione del nuovo regolamento: le associazioni sono preziose e fondamentali per il raggiungimento di un contenimento in linea con l’ambiente metropolitano e e la tranquillità degli agricoltori”.

    “Malgrado i risultati raggiunti – si spiega dal comando – lo sforzo da sostenere è ancora tanto. Siamo l’unica forza di polizia che può svolgere questa attività oltre alla vigilanza venatoria tradizionale e autorizzata”.

    La polizia provinciale della Metrocittà è attiva nel contrastare il bracconaggio. Nei giorni scorsi ha colto in flagranza di reato un bracconiere, appostatosi sotto il viadotto Marco Polo nel comune di Firenze, che aveva abbattuto un cinghiale.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...