mercoledì 12 Agosto 2020
Altre aree

    “Vacanze tranquille”, piano anti-furti a Bagno a Ripoli: più controlli e un referente fra i vigili per chi va in ferie

    I cittadini che vanno in vacanza possono informare la polizia locale che intensificherà il monitoraggio e il passaggio delle pattuglie in prossimità della loro abitazione

    BAGNO A RIPOLI – Ombrellone in bauliera, valigia pronta e… una telefonata alla polizia municipale.

    I cittadini di Bagno a Ripoli che partono per le ferie da oggi possono comunicarlo alla polizia municipale: gli agenti, ricevuta la segnalazione, potenzieranno il numero dei controlli in prossimità della loro abitazione, con un monitoraggio del territorio ancora più capillare.

    Torna per il secondo anno consecutivo e dopo l’esperienza invernale in concomitanza del Natale il progetto di sicurezza urbana “Vacanze Tranquille” organizzato dal Comune di Bagno a Ripoli per prevenire e contrastare gli episodi di furto nelle abitazioni durante il periodo estivo, quando le case lasciate incustodite dalle famiglie possono diventare un facile bersaglio per i topi d’appartamento. 

    “Grazie a questa iniziativa – dicono dal palazzo comunale ripolese – che nelle scorse edizioni ha contato sulla partecipazione di decine di famiglie ripolesi, la polizia municipale metterà a disposizione dei cittadini un referente che si farà carico delle segnalazioni, ne acquisirà dati e indirizzo e potrà fornire indicazioni e informazioni utili”.

    “Un punto di riferimento sul posto – si sggiunge – per tutti coloro che anche se per brevi periodi si assentano per le ferie. In base alle richieste dei cittadini, la municipale stenderà una mappa del territorio su cui verranno effettuati ancora più controlli. I passaggi di verifica interesseranno ovviamente solo l’esterno delle abitazioni e le aree limitrofe e avverranno esclusivamente su aree pubbliche”.

    Il servizio è totalmente gratuito. Potranno aderire i cittadini che staranno lontani da casa per almeno una settimana.

    Per aderire è necessario inviare comunicazione alla polizia municipale con almeno 48 ore di anticipo rispetto alla partenza tramite mail all’indirizzo [email protected].

    Per info telefoniche contattare il numero 055631111, tasto 9. Il progetto sarà attivo dal 20 luglio fino al 13 settembre 2020. 

    “Nel nostro territorio – dice il sindaco Francesco Casini – gli episodi di furto sono costantemente in calo, tra i più bassi dell’area fiorentina. Finché se ne verificherà anche uno soltanto però è vietato abbassare la guardia. Nel periodo estivo, le case incustodite sono senza dubbio più vulnerabili. Da qui questo progetto di prevenzione, che fornisce ai cittadini uno strumento in più per assentarsi da casa con meno preoccupazioni”. 

    Tutto questo si accompagna a nuovi investimenti nel settore della sicurezza.

    “Dopo il potenziamento della rete di videosorveglianza e il controllo del territorio con droni, stiamo per estendere su tutto il territorio un’innovativa tipologia di “targa system” che sarà un esempio sperimentale ed unico nella nostra regione”, aggiunge il sindaco. 

    Si tratta di un software per la verifica dei veicoli in transito nei confini comunali collegato al “Sistema Centralizzato Nazionale Transiti” (SCNTT) del Ministero dell’Interno, che consentirà alle forze dell’ordine di disporre di elementi di alert in tempo reale e dati importanti per eventuali indagini successive. 

    “Ricordo inoltre e invito tutta la cittadinanza – conclude Casini – ad aderire al progetto, già in atto, che consente di collegare il proprio allarme alla centrale del 112, che in caso di intrusione garantisce il tempestivo ed immediato intervento da parte delle forze dell’ordine. La sicurezza di tutti i nostri cittadini è una priorità”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino