giovedì 21 Gennaio 2021
Altre aree

    Variante alla Chiantigiana, selezionata la ditta che ha presentato la migliore offerta

    Parte la fase di verifica dei requisiti dell'azienda. Casini e Sottani: "Lavoro egregio della Commissione tecnica. Procedere speditamente per riaprire i cantieri"

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Si è concluso il lavoro della Commissione tecnica per la selezione della ditta che realizzerà la Variante alla SRT 222 – Chiantigiana.

    L’ormai “metafisica” variante di Grassina, sulla quale si potrebbero scrivere libri e romanzi.

    Parte adesso la fase di verifica dei requisiti dell’azienda (Rti, Raggrupamento tempraneo di imprese Rosi) che ha presentato la migliore offerta, con l’obiettivo di giungere all’aggiudicazione definitiva i primi dell’anno.

    “Si tratta – dicono i sindaci di Bagno a Ripoli Francesco Casini, consigliere delegato della Città Metropolitana, e di Greve in Chianti Palo Sottani – di un passaggio importantissimo, la Commissione tecnica ha svolto un lavoro egregio e in tempi rapidi”.

    “Si sono presentate al bando 16 aziende – tengono a specificare – per la metà si tratta di realtà locali”.

    “L’obiettivo – concludono – è procedere speditamente per riaprire i cantieri la prossima primavera”.

    Le procedure per addivenire all’aggiudicazione definitiva dei lavori, comprensive anche della verifica delle migliorie progettuali presentate nell’offerta, saranno portate a termine entro marzo.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...