spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Variante di Grassina, la Città Metropolitana: “I lavori proseguono nonostante il maltempo”

    Ieri il sopralluogo al cantiere con il sindaco Francesco Casini e il vicesindaco Paolo Frezzi, i tecnici della Metrocittà e i referenti della ditta Rosi Leopoldo

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – “Nonostante la pioggia, procedono i lavori per la realizzazione della variante alla Sr 222-via Chiantigiana”.

    Lo dice la Città Metropolitana, ente responsabile dell’opera, che aggiunge: “Il meteo rende difficoltose le movimentazioni delle terre, ma nel frattempo il cantiere avanza con la collocazione dei pali di fondazione del ponte sul torrente Isone”.

    È quanto emerge da un nuovo sopralluogo svolto nella giornata di ieri, martedì 17 gennaio, nell’area di via di Belmonte.

    Organizzato dal sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini, consigliere delegato della Metrocittà per la Viabilità, che ha visto la presenza del vicesindaco ripolese Paolo Frezzi, dei tecnici comunali, dei referenti della Città Metropolitana di Firenze (che ha la titolarità dell’opera) e della ditta incaricata dei lavori, l’Ati che ha come capofila la Rosi Leopoldo spa.

    “Recentemente – fa sapere la Metrocittà – sono già entrate in esercizio le prime modifiche provvisorie alla viabilità nel nodo di Ghiacciaia. Una volta terminata la fase di maltempo, le lavorazioni di movimentazione terre ripartiranno su più fronti. La ditta al lavoro si è impegnata a mettere in campo risorse e squadre per operare in parallelo su più settori del cantiere”.

    “Il Comune di Bagno a Ripoli – si fa sapere – ha sollecitato massima attenzione nel mantenimento dei tempi del cronoprogramma, che al momento resta invariato, compatibilmente con le limitazioni dovute attualmente al meteo avverso. E ha anticipato la richiesta, che sarà formalizzata a breve, di alcuni aspetti migliorativi da attuare in corso dei lavori, tra cui interventi per il potenziamento dei percorsi pedociclabili e della sosta nell’area di Ponte a Niccheri, opere di regimazione idraulica sul versante a monte di via di Tizzano e interventi di mitigazione ambientale”.

    “È stato un confronto molto costruttivo e abbiamo deciso di ritrovarci periodicamente con i tecnici e la ditta per fare il punto della situazione – spiega il sindaco e consigliere delegato Casini – Il maltempo degli ultimi mesi sicuramente non aiuta l’avanzamento del cantiere, ma non inciderà sostanzialmente sulle tempistiche”.

    “Finalmente – auspica – inizia a prendere forma un’opera strategica, attesa da troppo tempo. Una volta completata l’infrastruttura, dovrà essere curato con grande attenzione anche l’aspetto dell’inserimento ambientale, più che mai necessario in un territorio di pregio come il nostro e su cui abbiamo fatto precise richieste”.

    “Stiamo lavorando per apportare migliorie al progetto in collaborazione con la direzione dei lavori e i tecnici della Metrocittà, soprattutto nella zona di Ponte a Niccheri – prosegue il vicesindaco Frezzi – Abbiamo richiesto di potenziare posti per la sosta e l’accessibilità sia da parte delle attività produttive che delle realtà sociali presenti nell’area, in prossimità del futuro sistema delle rotatorie”.

    Altri punti allo studio dell’amministrazione insieme ai tecnici della Metrocittà la riduzione da tre a due rotatorie in prossimità del viadotto dell’autostrada, per cercare di rendere più fluido e snello il traffico in arrivo dal casello e diretto verso l’ospedale.

    Così come la realizzazione di opere di piccola entità ma necessarie per la regimazione delle acque prevenienti dalla futura viabilità.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...