spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vini delle Tenute e forti legami con il grande design italiano: Ruffino ha svelato il suo nuovo percorso

    L'azienda ha lanciato da Poggio Casciano il suo nuovo corso, che prevede anche tante novità per l'hospitality. Sandro Sartor: "Siamo in un momento storico"

    POGGIO CASCIANO (BAGNO A RIPOLI) – Hanno scelto il giorno del Thanksgiving, del Ringraziamento, forse la festa più importante degli Stati Uniti d’America.

    Per lanciare la nuova impronta di Ruffino, ispirata al grande design italiano: dal vino, che si caratterizzerà in modo ancor più marcato sull’identità delle Tenute; al’approccio dell’ospitalità, della ristorazione, all’essere italiani… nel mondo.

    Lo ha fatto dalla Tenuta di Poggio Casciano, sulle colline di Bagno a Ripoli che “guardano” il Chianti, “seguendo – spiegano dall’azienda – lo stesso sogno imprenditoriale e l’approccio pioneristico che ha portato la squisita toscanità dei vini di Ilario e Leopoldo Ruffino al centro delle migliori tavole di tutto il mondo fin dal 1877”.

    “Il design – proseguono dall’azienda, che ha uno dei suoi cuori pulsanti proprio a Poggio Casciano, a Bagno a Ripoli – significa bellezza creata per essere funzionale e quindi vissuta ed è una illuminante metafora per raccontare Ruffino ed i suoi vini. I filari ordinati dei vigneti sono una architettura del territorio che ha dato vita a paesaggi idilliaci, da “cartolina”, ma che risponde alla finalità di ottenere uve sane e vigorose”.

    “La trasformazione dell’uva in vino si è nel corso di secoli evoluta – continuano – e ha creato cantine di suggestiva bellezza dove l’uomo ha sublimato tradizione, creatività e bravura. La piacevolezza del consumo responsabile del vino ha sempre saputo evocare modelli aggregativi di squisita convivialità”.

    “An instant connection” è quindi la nuova piattaforma di comunicazione globale di Ruffino, la stessa per tutto il mondo, “che esprime queste potenti e magiche connessioni che un calice di vino riesce a instaurare sotto il segno del design italiano”.

    “Un soggetto creativo originale – viene rimarcato – di grande impatto estetico che si declina in un video e in una pagina stampa e che vede protagonisti il vino e la sua capacità di creare situazioni seducenti, esclusive, intimamente connesse”.

    Chianti Classico Gran Selezione, Riserva Ducale Oro, uno dei vini più conosciuti del mondo-Ruffino

    “Connessioni istantanee – si evidenzia – sono esplicitate anche nelle rinnovate architetture della Tenuta Poggio Casciano, luogo di preziosa accoglienza oltre che storica cantina di produzione dei grandi rossi di Ruffino: Modus Primo e Alauda. La tenuta è visitabile durante degli emozionanti tour and tasting. Tre Rane è lo splendido ristorante di cucina toscana contemporanea che ha in questi mesi beneficiato di un elegantissimo e sapiente restauro. I piatti di Tre Rane, così come i vini Ruffino, possono essere gustati anche sotto il loggiato e nel meraviglioso parco con giardino all’italiana. Infine, Casa Ruffino è la boutique hotel della
    tenuta”.

    Anche il mondo digitale è stato completamente rinnovato sugli stilemi e nello spirito guida di “An Instant Connection”, del design italiano e della civiltà del vino: sia il sito www.ruffino.it che i canal social IG e FB esprimono, a livello globale, la stessa passione per la bellezza, la tradizione reinventata, la toscanità raffinata, la qualità assoluta dei vini delle Tenute Ruffino.

    “Siamo in un momento storico per Ruffino – commenta il presidente e amministratore delegato di Ruffino Sandro Sartor – Abbiamo la volontà di continuare a crescere ulteriormente fino a diventare un assoluto punto di riferimento dei vini toscani di alto prestigio”.

    “Impegno esplicitato nella ricerca della qualità senza compromessi – riprende – nell’attenzione alla sostenibilità, ambientale e produttiva, nella capacità di innovarsi nel segno dell’identità toscana. Attitudini che sono orgoglioso di asserire che ci appartengono da sempre, che riescono a proseguire il sogno dei fondatori Ilario e Leopoldo di creare il vino ideale”.

    “Vini intimamente connessi alle nostre Tenute – conclude Sartor, tracciando la rotta per il futuro – Prodotti medi e medio alti. Lavorando in vigneto, in cantina, ma anche su packaging e comunicazione. Con un nuovo sito web globale. Il design italiano come linea guida. E Poggio Casciano che è sempre più la “boutique” dei nostri vini più importanti. Rendendo anche la nostra ospitalità corerente con la nuova mission. In questo senso, Matia Barciulli ci ha raggiunto per aiutarci in questa avventura. Per il cambio di passo che vogliamo dare”.

    L’Enoteca di Ruffino nella Tenuta di Poggio Casciano

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

     

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...