spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Visite gratuite per persone in difficoltà: la Croce Rossa Italiana di Bagno a Ripoli dà vita alle Officine della Salute

    Per loro controlli e farmaci a costo zero. Il sindaco Casini e il presidente CRI Pasquinucci: "Così diritto alla salute garantito per tutte e tutti"

    BAGNO A RIPOLI – La Croce Rossa Italiana compie 160 anni.

    In questo importante compleanno, è la stessa CRI a fare un bel regalo alla popolazione, mettendo in piedi Officine della Salute.

    Un progetto creato appositamente per dare possibilità di accesso alle cure specialistiche e diagnostiche a quella fascia di popolazione, purtroppo sempre crescente negli ultimi anni e ancor di più dopo la pandemia, che non ha le necessarie possibilità economiche per farlo. E che deve rinunciarvi o attendere quelle code lunghe mesi che non di rado si verificano nel servizio pubblico.

    Il progetto oggi è attuato presso 36 ambulatori CRI distribuiti su tutto il territorio nazionale, ed è sbarcato anche a Bagno a Ripoli, dove presso l’ambulatorio della Croce Ross Italiana di via Fratelli Orsi i soggetti bisognosi o in stato di indigenza possono contare su 29 differenti specialistiche, un centro prelievi e anche il servizio di farmacia solidale, che prevede erogazione gratuita di farmaci quando si hanno i requisiti per richiederli.

    “La salute è un diritto per tutti – esordisce il presidente della CRI Bagno a Ripoli Francesco Pasquinucci – ed è inoltre sinonimo di autonomia, in quanto chi gode di salute non deve dipendere, almeno per quella, da nessuno”.

    “Questo bel progetto voluto da Croce Rossa Italiana – prosegue Pasquinucci – da noi può contate su un ambulatorio rinnovato recentemente e ormai collaudato, che fa 50mila accessi all’anno ed è in grado di erogare le maggiori prestazioni specialistiche, avvalendosi di strumentazioni di ultima generazione”.

    “Tutti i medici che prestano servizio presso di noi – tiene a dire – sono stati ben contenti di aderire all’iniziativa, e hanno ben chiaro  quanto noi l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno. Così come il personale del nostro ambulatorio infermieristico, le cui prestazioni sono incluse nell’iniziativa, e la Farmacia di Rimaggio, che ci supporta nel servizio di erogazione farmaci. Tutti attori fondamentali in un progetto di forte rilevanza sociale, di cui andiamo orgogliosi”.

    “Una presenza e un impegno quelli della CRI Bagno a Ripoli che crescono, si consolidano e confermano l’attenzione e la cura verso la comunità – dichiara il sindaco Francesco Casini, presente all’inaugurazione del servizio insieme all’assessora Eleonora François – Con il progetto delle Officine della Salute, in particolare, nei confronti dei cittadini in difficoltà, in situazioni di fragilità economica”.

    “Il rischio purtroppo – ammette il primo cittadino – è che le persone con meno risorse siano costrette a trascurare la prevenzione, i controlli e le cure, acuendo così le situazioni di fragilità. Invece, con questo progetto, potranno trovare alla CRI un servizio e professionisti di grande qualità, a portata di tutti, perché il diritto alla salute è e deve essere di tutti”.

    Per informazioni sulle modalità di accesso e/o domande di adesione, è necessario contattare il 1520, numero nazionale di Croce Rossa Italiana, che risponde all’iniziativa.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...