spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fra i ripolesi ai quali viene consegnato il riconoscimento, il giornalista-scrittore Mario Spezi

    Il Comune di Bagno a Ripoli organizza la quinta edizione della manifestazione "Una Vita Premiata", che si svolgerà venerdì 14 dicembre alle 17.15, presso la sala consiliare "Falcone e Borsellino", nel palazzo comunale.

     

    Saranno premiati: Quinto Paggetti, Cittadino benemerito; Giovanni Cherubini, Docente universitario e amministratore locale; Romano Pierattini, Regista e Dirigente Circolo Acli di Ponte a Ema; Silvano Nocchizzi, Presidente Filarmonica L. Cherubini; Mario Spezi (in foto, scattata da Karina Sparks, con il macellaio-poeta di Panzano Dario Cecchini), Giornalista e Scrittore; Maria Grazia Nicosia, Danzatrice classica e Direttore Artistico del Centro Studi Danza di Grassina; Giuseppe Carrai, Amministratore locale; Beniamino Deidda, Procuratore Generale della Toscana; Umberto Sardelli, Imprenditore. Premio alla Memoria a Riccardo Francovich, Docente universitario. Premio speciale del Comune di Bagno a Ripoli a "Gli Amici di' Cipo", Grassina.

     

    "Un'iniziativa – dice il sindaco Luciano Bartolini – che esprime concretamente che cosa intendiamo quando parliamo di Comune-Comunità. A Bagno a Ripoli ci sono persone che in varie discipline hanno donato tanto alla Comunità nostra e nazionale, valorizzandola e dandole visibilità nel mondo e in àmbito locale. Con l'appuntamento del prossimo venerdì il percorso va avanti e torna a farci stringere con affetto e sano orgoglio intorno alle nostre eccellenze".

     

    "L'edizione 2012 – prosegue – se possibile, è ancora più ricca di bandiere ripolesi nel contesto nazionale e internazionale, che vanno a formare anche quest'anno un gruppo eterogeneo, a ulteriore riprova della ricchezza professionale, sociale, culturale e storica di questo territorio. Dal semplice, ma benemerito cittadino Quinto Paggetti a uno dei maggiori studiosi di storia medievale viventi come Giovanni Cherubini; da Romano Pierattini, che da quasi vent'anni anima la rassegna teatrale di Ponte a Ema a Silvano Nocchizzi, Presidente e colonna portante della Filarmonica Cherubini; da Mario Spezi, giornalista e scrittore di successo e livello internazionale, a Maria Grazia Nicosia, raffinata ballerina, appassionata insegnante e storico direttore artistico di Danza Primavera; da Giuseppe Carrai, che ha dedicato tanti anni e tante energie all'amministrazione del nostro Comune, in particolare alle politiche educative, al magistrato esemplare e rigoroso Beniamino Deidda, fino all'imprenditore dell'olio di oliva e uomo di sport Umberto Sardelli. Il premio alla Memoria andrà a Riccardo Francovich, grande intellettuale prematuramente scomparso, mentre quello speciale del Comune di Bagno a Ripoli a Gli Amici di' Cipo, per il loro impegno nel volontariato sociale. Amici e cittadini, stringiamoci attorno a queste nostre eccellenze”.

     

    Nell'àmbito della manifestazione, proseguendo nella collaborazione tra il Comune di Bagno a Ripoli  e l'Associazione Culturale P.A.C.E., sarà ufficialmente inaugurata all'interno del palazzo comunale la mostra La poesia della carta dell'artista Meiko Yokoyama, che rimarrà aperta fino a tutto gennaio.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...