spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 18 Settembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “WhatsApp Bagno a Ripoli” non va in vacanza, iscrizioni sempre aperte

    Dopo 4 mesi dal lancio, oltre 1700 cittadini ripolesi usufruiscono di questo servizio gratuito di pubblica utilità. I dettagli per la modalità di iscrizione

    BAGNO A RIPOLI – A poco più di 4 mesi dal “lancio” del servizio gratuito “WhatsApp Bagno a Ripoli”, i cittadini del comune che hanno aderito sono già più di 1.700.

    “Un servizio totalmente gratuito e molto semplice da utilizzare – spiega il sindaco Francesco Casini – che risponde alla volontà dell’amministrazione di sfruttare la tecnologia per semplificare la comunicazione verso i cittadini”.

    Anche nel periodo estivo è sempre possibile attivare la propria iscrizione al canale di
    messaggistica e avvisi di pubblica utilità offerto dal Comune di Bagno a Ripoli.

    Iscrivendosi al canale WhatsApp del Comune, i cittadini accettano di ricevere sul proprio smartphone messaggi su servizi di pubblica utilità, comunicazioni su eventi e iniziative, scadenze comunali, ma anche comunicazioni di emergenza. Il servizio è in sola uscita, dal
    Comune verso gli utenti.

    Per le segnalazioni all’amministrazione comunale restano validi tutti gli altri canali di comunicazione istituzionale dell’ente.

    La registrazione è semplice e gratuita. Basta salvare il numero telefonico 333 612 5537 tra i propri contatti e inviargli tramite WhatsApp (non Sms!) un messaggio con scritto “Iscrizione”.

    I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, garantendo la privacy e l’anonimato dei cittadini. Per cancellarsi dal servizio sarà sufficiente inviare un messaggio WhatsApp con scritto “Cancellazione”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...