spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    3 milioni e mezzo di euro per il risanamento del dissesto idrogeologico dell’abitato di Barberino Val d’Elsa

    Approvato il progetto esecutivo per la messa in sicurezza della frana di Barberino Val d'Elsa, sostenuto dalla Regione Toscana con la compartecipazione finanziaria del Comune

    BARBERINO TAVARNELLE – “Lo sforzo e l’impegno politico amministrativo del Comune di Barberino Tavarnelle per la messa in sicurezza della frana di Barberino Val d’Elsa sono stati premiati”.

    Lo fa sapere una nota diffusa dal palazzo comunale, che spiega anche che “grazie ad un investimento complessivo, pari a 3milioni e mezzo di euro, finanziato in gran parte dalla Regione Toscana, con la compartecipazione del Comune, la giunta Baroncelli può procedere con l’affidamento dei lavori e dare soluzione concreta ad una delle criticità più rilevanti che interessa l’area dell’abitato di Barberino Val d’Elsa”.

    E’ stato approvato infatti il progetto esecutivo per il ripristino del dissesto localizzato in via Pertini, dove insiste un complesso residenziale, affacciato sul versante sud.

    La buona notizia è che, a fronte di una complessa situazione sorta nel 2014, l’amministrazione comunale è in grado oggi di pianificare l’inizio dei lavori, previsto tra la primavera e l’estate 2023, e dare piena attuazione all’intervento di risanamento.

    “Appena abbiamo avuto contezza della situazione – dice il sindaco David Baroncelli – abbiamo deciso di inserirla tra le priorità e impiegare tutti i nostri strumenti progettuali e amministrativi per individuare una strada praticabile, nonostante la complessità della vicenda”.

    “Si è stabilito di trattare la questione con un fermo senso di responsabilità – continua il sindaco – evitando inutili e pericolosi rinvii e mettendo in campo uno sforzo progettuale che ha trovato il sostegno prezioso della Regione Toscana attraverso il Documento operativo per la Difesa del Suolo e le linee finanziarie dedicate alla prevenzione e al contrasto del dissesto idrogeologico”.

    L’amministrazione comunale di Barberino Tavarnelle si è adoperata nel gestire e approfondire la problematica.

    “Abbiamo deciso di farci carico e risolvere l’annosa vicenda – riprende Baroncelli – destinando risorse comunali alla progettazione e reperendo ulteriori fondi pubblici, obiettivo che abbiamo raggiunto con l’assegnazione del finanziamento regionale”. 

    Il Comune ha effettuato le necessarie analisi geologiche per la definizione delle problematiche complessive e, parallelamente al progetto, ha attuato un sistema di monitoraggio per verificare lo sviluppo della situazione ed eventuali pericoli per le abitazioni. 

    Il finanziamento dell’opera di messa in sicurezza permetterà dunque di realizzare una prima tranche dell’intervento di cui è stata varata la progettazione coordinata dall’area tecnica comunale.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...