spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Al Ristoro L’Antica Scuderia di Badia a Passignano si va verso la primavera proponendo nuovi piatti

    I Paccheri al ragù di cortile con olive taggiasche; il Risotto cremoso alla carbonara di asparagi; il Carrè d'agnello con carciofi...

    BADIA A PASSIGNANO (BARBERINO TAVARNELLE) – In questi giorni di freddo intenso si inizia però a guardare anche verso la primavera.

    Del resto, marzo è iniziato: e non possiamo non immaginare il nostro bel territorio chiantigiano immerso in profumi, verde e fiori.

    Per… abituarci all’idea, al Ristoro L’Antica Scuderia a Badia a Passignano (Barberino Tavarnelle), il patron Stefano Puliti e la chef Maria Abbarchini hanno già introdotto nel menu nuovi piatti, tutti da gustare.

    E allora ecco i Paccheri al ragù di cortile con olive taggiasche; il Risotto cremoso alla carbonara di asparagi; gli “Gnudi” di ricotta e spinaci al pomodoro; il Carrè d’agnello con carciofi… .

    Che, come sempre, abbinano grande qualità dei prodotti, lavorazioni tradizionali con un tocco di innovazione. E tanto, tanto gusto.


    Informazioni e prenotazioni

    Telefono 0558071623

    Mail: info@ristorolanticascuderia.com.

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...